Articolazioni regionali dell'Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra (ANMIG) e dell'Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra (ANFCDG)

Scadenza: 12 dicembre 2022
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Regione Piemonte - Direzione coordinamento politiche e fondi europei, turismo e sport

Dotazione Complessiva
€ 30.000
Finanziamento Massimo
€15.000
Co-finanziamento
100%
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Facile

Finalità

Erogazione di un contributo ordinario alle articolazioni regionali dell'Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra e dell'Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra, allo scopo di sovvenire alle particolari necessità di promozione umana e sociale dei mutilati ed invalidi di guerra e loro congiunti e delle famiglie dei caduti e dispersi in guerra, nonché di coloro che in servizio nelle Forze armate hanno perduto la vita nel compimento del dovere durante il servizio di leva, la lotta ad ogni forma di eversione e terrorismo e nell'espletamento di missioni in nome e per conto delle organizzazioni internazionali alle quali l'Italia aderisce.

Interventi ammissibili

Sono ammissibili a contributo le seguenti tipologie di spese:

  • Spese per l’organizzazione di eventi istituzionali, commemorazioni e pubblicazioni;
  • Rimborsi spese sostenute dai soci per la partecipazione in rappresentanza dell’ente a commemorazioni ed eventi istituzionali;
  • Spese di gestione delle sedi dove si svolge l’attività istituzionale delle articolazioni regionali delle associazioni ANMIG e ANFCDG e di personale coinvolto direttamente nelle attività destinate ai beneficiari finali;
  • Spese di acquisto di piccole attrezzature, beni strumentali, piccoli arredi destinati alle sedi dove si svolge l’attività istituzionale delle articolazioni regionali delle associazioni ANMIG e ANFCDG;
  • Spese per prodotti assicurativi sugli immobili destinati alle attività istituzionali e sulle persone;
  • Materiali di consumo che potranno essere rendicontati in modo forfetario in misura massima del 20% del contributo.

Sono ammesse a contributo esclusivamente le spese relative alle azioni realizzate nel 2022, che non dovranno risultare già coperte da altri contributi.

Chi può partecipare

Possono partecipare i soggetti beneficiari individuati dall’articolo 7 della L.R. 33/2021 sono le articolazioni del regionali dell’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra (ANMIG) e dell'Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra (ANFCDG).

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 30.000 Euro

Contributo massimo per progetto: 15.000 Euro

Quota di cofinanziamento: 100%

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti  

Avviso

Modello di domanda

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Rispetto dei criteri di eleggibilità delle proposte. Nella fase di valutazione ci sono due step: il primo è la valutazione dei criteri di eleggibilità e il secondo è la qualità della proposta. Le statistiche a disposizione ci dicono che il 10% delle proposte non arrivano alla valutazione sulla qualità del progetto perché i criteri di eleggibilità non vengono soddisfatti. Fate, dunque, molta attenzione ai criteri di ammissibilità stabiliti nel bando (Art. 10, Pag. 3 dell’Avviso) e accertatevi di esserne in linea dal punto di vista amministrativo, territoriale e finanziario.

Verificate con attenzione quali sono icosti ammissibili, cioè tutti quei costi che possiamo imputare nel budget di progetto. (Art. 6 e 7, Pag. 2 dell’Avviso).

Condividi

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.