Scadenza: 30 giugno 2022
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Regione Marche

Dotazione Complessiva
€ 2.000.000
Finanziamento Massimo
€40.000
Co-finanziamento
70%
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Intermedio

Finalità

Con tale bando “Azioni per il riorientamento e la diversificazione dei mercati” la Regione Marche intende supportare le MPMI marchigiane che si ritrovano nell’impossibilità di esportare nei consueti mercati russo/ucraino o di rifornirsi di materie prime e semilavorati provenienti da questi mercati. In particolare, la Regione Marche sostiene progetti di investimento orientati alla diversificazione dei mercati al fine di differenziare le quote di esportazione o per identificare nuovi canali distributivi utili alla riduzione dei costi.

Interventi ammissibili

Il bando intende finanziare la realizzazione di progetti per il conseguimento dei seguenti obiettivi:

  • rafforzare la capacità delle imprese di diversificare clienti e fornitori sui mercati internazionali, sostenendole nell’acquisto di servizi per l’innovazione digitale strategica alla funzione di vendita;
  • sostenere le imprese attraverso il ricorso a servizi o soluzioni strumentali finalizzati ad avviare la presenza all’estero delle MPMI, tramite la progettazione, la gestione e la realizzazione di progetti di investimento su nuovi mercati internazionali;
  • supportare le imprese nell’accesso e/o consolidamento all’economia digitale per incrementare la consapevolezza e l’utilizzo delle possibili soluzioni offerte dal digitale a sostegno dell’export, in particolare lo sviluppo di iniziative di promozione e commercializzazione digitale.

I progetti di investimento delle imprese, diretti all’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati esteri già serviti e nella ricerca di nuovi mercati e di nuovi fornitori, dovranno prevedere almeno due ambiti di attività tra quelli di seguito indicati e afferenti agli ambiti di specializzazione intelligente in ricerca e innovazione della regione Marche di cui alla DGR n. 42 del 31 gennaio 2022 e che sono riepilogati nell’Appendice A.4 (pagg. 41-42 del bando).

Ambiti di attività:

  • Innovazione della strategia promozionale nei mercati di riferimento individuati nel progetto;
  • Temporary export manager e Digital export manager in affiancamento al personale aziendale;
  • Analisi e ricerche di mercato per l’individuazione di nuovi mercati e fornitori;
  • Sito web aziendale ai fini dello sviluppo di attività di promozione digitale dell’export;
  • Marketing digitale attraverso uno o più canali digitali;
  • Business on line quale attività di innovazione del processo commerciale;
  • Social media marketing compreso l’utilizzo degli influencers, di storytellers e storytelling.

Tutte le attività proposte devono risultare chiaramente riconducibili e verificabili in relazione ai mercati target individuati nel progetto.

Il programma di investimento dovrà essere concluso entro 6 mesi dalla data del decreto di concessione del finanziamento.

Chi può partecipare

Possono partecipare al bando le Micro, Piccole e Medie imprese marchigiane, in forma singola.

Entità del contributo

La dotazione finanziaria complessiva è pari a 2.000.000 Euro, di cui:

  • 1.000.000 Euro a valere sull’Asse 1 – OS 1 – Azione 1.3;
  • 1.000.000 Euro esclusivamente per le imprese localizzate nell’area cratere e Comuni limitrofi, a valere sull’asse 8 - OS 21 – Az. 21.1.

Contributo massimo per progetto: 40.000 Euro

Quota di cofinanziamento: 70%

Il costo totale ammissibile del progetto di investimento non deve essere inferiore ad Euro 5.000 Euro.

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Verifica quali sono i costi ammissibili, cioè tutti quei costi che possiamo imputare nel budget di progetto (Cfr. Art. 3.3, pagg. 9 e ss. del bando).

Attenzione! Per le sole imprese che abbiano subito riduzioni di quote export, o abbiano sostenuto maggiori costi derivanti dalla crisi Russo-Ucraina (vedi paragrafo 4.4 punto n.12), le agevolazioni di cui al presente bando potranno essere concesse anche ai sensi della sezione 2.1 del “Quadro temporaneo di crisi per misure di aiuti di Stato a sostegno dell'economia a seguito dell'aggressione contro l'Ucraina da parte della Russia” (C (2022) 1890 del 23/3/2022) di cui al seguente link: https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:52022XC0324(10)&from=EN.

Consulta scrupolosamente i criteri di valutazione adottati dall’Ente per valutare le proposte progettuali. La lettura preliminare dei criteri ti aiuterà a capire se il tuo progetto possiede le caratteristiche per aggiudicarsi il contributo. Nella fase di scrittura i criteri di valutazione ti guideranno per capire la lunghezza e l’importanza che sarà necessario dare ai singoli paragrafi della proposta progettuale. Dovrò dare maggiore rilevanza ai paragrafi che si riferiscono ai criteri di valutazione che hanno maggior punteggio perché sono quelli su cui si baserà la valutazione del progetto (Cfr. Art. 5.2, pagg. 16 e ss. del bando). Nel caso di parità di punteggio complessivo, sarà assegnata la priorità alle imprese a rilevante componente femminile alla data di presentazione della domanda.

Assicurati di aver compreso le modalità di erogazione del contributo (Cfr. Art. 6.5, pagg. 21-22 del bando).Possiedi le risorse necessarie per far partire il progetto?

È sempre consigliabile prendere contatto diretto con l’Ente finanziatore, ti aiuterà a comprendere se il tuo progetto possiede le giuste caratteristiche per essere finanziato (tel.: 0718063036).

Condividi

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.