Bando efficienza energetica settore ricettivo

Scadenza: 31 ottobre 2022
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Unioncamere Lombardia 

Dotazione Complessiva
€ 975.000
Finanziamento Massimo
€30.000
Co-finanziamento
50%
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Facile

Finalità

Il Sistema Camerale lombardo e Regione Lombardia, intendono sostenere le micro e piccole imprese lombarde del settore ricettivo (alberghi, alloggi per vacanze, campeggi) che, a seguito dell’aumento dei costi dell’energia, dovuti anche dalla crisi internazionale in corso, vedono ulteriormente aggravato il contesto economico proprio nella fase di ripresa dalla crisi economica da Covid 19.

Interventi ammissibili

Sono ammissibili al contributo a fondo perduto investimenti per l’efficientamento energetico di un ammontare minimo pari a 4.000 Euro, da realizzare unicamente presso la sede legale o operativa oggetto di intervento (rilevabile dalla visura camerale). L’intervento di efficientamento energetico per essere ammissibile al contributo deve essere corredato, in fase di domanda, dalla relazione di un tecnico iscritto al relativo ordine professionale competente per materia, redatta secondo il modello All. E – Modello relazione tecnica, che dettagli gli investimenti e/o le soluzioni impiantistiche da implementare con evidenza del risparmio energetico da conseguire specificando i consumi energetici al momento della domanda e previsti con la realizzazione degli investimenti oggetto della domanda stessa.

Chi può partecipare

Possono accedere al Bando le micro e piccole imprese del settore ricettivo con codice ATECO primario o secondario 55.1, 55.2 e 55.3 riferito alla sede o all’unità locale oggetto dell’intervento che, a partire dalla data di presentazione della domanda fino all’erogazione del contributo, siano in possesso dei seguenti requisiti specificati a pag. 3 del bando.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 975.000 Euro

Le risorse stanziate prevedono la seguente ripartizione territoriale:

  • CCIAA Bergamo: 100.000 Euro
  • CCIAA Como – Lecco: 55.000 Euro
  • CCIAA Cremona: 20.000 Euro
  • CCIAA Mantova: 50.000 Euro
  • CCIAA Milano Monza Brianza Lodi: 250.000 Euro
  • CCIAA Pavia: 200.000 Euro
  • CCIAA Sondrio: 150.000 Euro
  • CCIAA Varese: 150.000 Euro

Lo stanziamento delle singole Camere di Commercio è destinato alle imprese con sede legale o operativa oggetto dell’intervento nel territorio di riferimento della corrispondente Camera di Commercio.

L’agevolazione è concessa a fronte di un investimento minimo complessivo di 4.000 Euro.

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto fino al 50% della spesa ritenuta ammissibile nel limite massimo di 30.000 Euro.

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Verificate con attenzione quali sono i costi ammissibili, cioè tutti quei costi che possiamo imputare nel budget di progetto (Cfr. B.2 -Spese ammissibili (pag. 6) e B.3 - Spese non ammissibili (pag. 7)). 

Prestare massima attenzione ai criteri di valutazione adottati dall’Ente per valutare le proposte. La lettura preliminare dei criteri ti aiuterà a capire se il tuo progetto possiede le caratteristiche per aggiudicarsi il contributo. È bene dare maggiore rilevanza a quegli aspetti che si riferiscono ai criteri di valutazione che hanno maggior punteggio perché sono quelli su cui si baserà la valutazione del progetto (Cfr. C.3 - Istruttoria, pag. 10).

Per chiarimenti sui contenuti del Bando o assistenza tecnica relativa alle procedure informatizzate, è sempre utile prendere contatto diretto con l’Ente finanziatore. Trovate i relativi contatti a pag. 17 del bando.

Condividi

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.