Scadenza
8 settembre 2021
Archiviato

PROGRAMMA/ENTE DI FINANZIAMENTO

Ministero dello Sviluppo Economico

Dotazione Complessiva
€ 17.700.000
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Difficile
Richiesta approfondita esperienza nella progettazione. Consigliato affiancamento da parte di professionisti esperti.

Finalità

EuroHPC (European High Performance Computing) rappresenta il pilastro portante della strategia industriale dell'Unione europea nel campo del supercalcolo e dell’elaborazione dei dati e che, attraverso il finanziamento di progetti innovativi, si pone il duplice obiettivo di:

  • sviluppare un’infrastruttura di supercalcolo paneuropea e di
  • sostenere la cooperazione nella ricerca scientifica avanzata al fine di aumentare la competitività industriale e di garantire, al contempo, l'autonomia tecnologica e digitale europea.

Al fine di promuovere relazioni più strette tra la comunità dei ricercatori e l'industria, in modo da conseguire una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nell’Unione europea e di sostenere la valorizzazione economica dell’innovazione sull’intero territorio nazionale attraverso la sperimentazione e l’adozione di soluzioni innovative di alto profilo, il bando definisce i criteri generali per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore dei progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale delle imprese italiane selezionati nei bandi emanati dalle istituzioni UE.

Interventi ammissibili

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono prevedere la realizzazione di attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, strettamente connesse tra di loro in relazione agli obiettivi specifici previsti nei singoli bandi emanati dalle istituzioni UE, finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti o processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali,riportate nell’allegato 1.

Ai fini dell’ammissibilità alle agevolazioni i progetti di ricerca e sviluppo devono:

  • essere selezionati nei bandi emanati dalle istituzioni UE;
  • essere realizzati dai soggetti ammissibili, nell’ambito di una o più delle proprie unità locali ubicate nel territorio nazionale;
  • essere avviati successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazioni e, comunque, pena la revoca, non oltre 3 mesi dalla data del decreto di concessione;
  • avere una durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 36 mesi. Su richiesta motivata del soggetto beneficiario, il Ministero può concedere una proroga del termine di ultimazione del progetto non superiore a 12 mesi;
  • qualora presentati congiuntamente da più soggetti, prevedere che ciascun proponente sostenga almeno il 10%dei costi complessivi ammissibili, se di grande dimensione, e almeno il 5% in tutti gli altri casi.

Sono ammissibili alle agevolazioni le spese e i costi relativi:

  • al personale dipendente del soggetto proponente o in rapporto di collaborazione con contratto a progetto, con contratto di somministrazione di lavoro;
  • agli strumenti ed alle attrezzature di nuova fabbricazione, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca e sviluppo;
  • ai servizi di consulenza e agli altri servizi utilizzati per l’attività del progetto di ricerca e sviluppo inclusa l’acquisizione o l’ottenimento in licenza dei risultati di ricerca, dei brevettie del know-how, tramite una transazione effettuata alle normali condizioni di mercato;
  • alle spese generali, ivi comprese le spese per comunicazione e disseminazione dei risultati, calcolate su base forfettaria nella misura del 25% dei costi diretti ammissibili del progetto;
  • ai materiali utilizzati per lo svolgimento del progetto.

Chi può partecipare

Possono beneficiare delle agevolazioni i seguenti soggetti, già selezionati dall'impresa comune EuroHPC nell’ambito delle call emanate nel corso del 2020.:

  • le imprese che esercitano le attività di cui all’articolo 2195 del codice civile, numeri 1) e 3), ivi comprese le imprese artigiane;
  • le imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriale;
  • le imprese che esercitano le attività ausiliarie di cui al numero 5) dell’articolo 2195 del codice civile, in favore delle imprese di cui alle lettere a) e b);
  • i Centri di ricerca.

I soggetti ammissibili possono presentare progetti anche congiuntamente tra loro o con Organismi di ricerca.In entrambi i casi, i progetti devono essere realizzati mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete o ad altre forme contrattuali di collaborazione, quali, a titolo esemplificativo, il consorzioe l’accordo di partenariato. Il contratto di rete o le altre forme contrattuali di collaborazione devono configurare una concreta collaborazione che sia stabile e coerente rispetto all’articolazione delle attività, espressamente finalizzata alla realizzazione del progetto proposto.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 17.700.000 di Euro

Costo minimo per progetto: 2.000.000 di Euro

Costo massimo per progetto: 20.000.000 di Euro

Quota di cofinanziamento:

  • 20% per le imprese di grande dimensione;
  • 25% per le PMI;
  • 35% per gli Organismi di ricerca

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Decreto 6 maggio 2021

Decreto 19 luglio 2021

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

N.B: In caso di parità di punteggio tra più progetti, prevale il progetto con il minor costo presentato.

Si consiglia di leggere attentamente i criteri di valutazione, ripostati a pag. 6 del bando.

Le agevolazioni sono erogate dal Ministero, sulla base delle richieste avanzate periodicamente dai soggetti beneficiari, in non più di cinque soluzioni, più l’ultima a saldo, in relazione a stati di avanzamento del progetto. Gli stati di avanzamento, ad eccezione di quanto previsto per la richiesta relativa alla prima erogazione e all’ultimo stato di avanzamento, devono essere relativi a un periodo temporale pari a un semestre o a un multiplo di semestre, a partire dalla data del decreto di concessione ovvero, nel caso in cui il progetto sia avviato successivamente all’adozione del decreto di concessione, a partire dalla data di effettivo avvio delle attività.

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.

Dotazione Complessiva
€ 17.700.000
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Difficile
Richiesta approfondita esperienza nella progettazione. Consigliato affiancamento da parte di professionisti esperti.
Condividi
Registrati e consulta tutti i bandi aperti