Bando per il finanziamento di azioni di cooperazione tra autorità nazionali responsabili dell'applicazione della normativa a tutela dei consumatori

Scadenza
9 settembre 2021
Archiviato

PROGRAMMA/ENTE DI FINANZIAMENTO

Commissione Europea – Single Market Programme

Dotazione Complessiva
€ 100.000.000
Co-finanziamento
50%
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Difficile
Richiesta approfondita esperienza nella progettazione. Consigliato affiancamento da parte di professionisti esperti.

Finalità

Il bando attua l'obiettivo di cui all'articolo 3, paragrafo 2, lettera d), punto i), del Regolamento del Programma per il mercato unico:

promuovere gli interessi dei consumatori e garantire un livello elevato di protezione dei consumatori e di sicurezza dei prodotti mediante:

i) il rafforzamento del ruolo dei consumatori, delle imprese e della società civile, nonché azioni educative e di assistenza nei loro confronti; la garanzia di un livello elevato di protezione dei consumatori, di sostenibilità del consumo e di sicurezza dei prodotti, in particolare mediante il sostegno alle autorità competenti responsabili dell’applicazione della normativa e alle organizzazioni rappresentative dei consumatori, nonché alle azioni di cooperazione, l’accesso garantito ai mezzi di ricorso per tutti i consumatori e informazioni adeguate sul mercato e sui consumatori; “

Il bando dunque mira a sostenere le attività delle autorità nazionali e di altri organismi competenti notificati nell'ambito della Cooperazione per la tutela dei consumatori (CPC) Regolamento (regolamento (UE) 2017/2394) per far fronte alle violazioni delle leggi elencate nell'allegato del Regolamento.

Interventi ammissibili

Il bando intende sostenere un'ampia gamma di attività per l'attuazione del regolamento (UE) 2017/2394, quali:

  • Attuazione dei poteri minimi di indagine e di esecuzione, in particolare attività legate allo scambio di buone pratiche in materia di potere di effettuare mystery shopping (sotto un ID di copertina), rimuovere contenuti o limitare l'accesso a un'interfaccia online, o tracciare flussi finanziari e di dati;
  • Attuazione e scambio di buone pratiche per quanto riguarda il meccanismo di allerta esterna ai sensi dell'articolo 27 del regolamento CPC, in particolare, attività che integrano gli strumenti comuni per l'analisi dei reclami dei consumatori in tutta l'UE;
  • formazione del personale, comprese attività per l'acquisizione e la condivisione di conoscenze sulle tecniche di applicazione per preparare la diffusione di strumenti elettronici innovativi per rafforzare la capacità delle autorità nazionali di contrastare le pratiche commerciali online illegali (ossia "e-Lab a livello dell'UE");
  • creazione di interfacce online, e-enforcement e strumenti di monitoraggio che integrino la diffusione di strumenti elettronici innovativi per rafforzare la capacità delle autorità nazionali di contrastare le pratiche commerciali online illegali;
  • studi giuridici sull'applicazione delle disposizioni in materia di diritto dei consumatori in un contesto specifico, in particolare per quanto riguarda i nuovi modelli di business nell'economia verde o digitale;
  • indagini settoriali su specifici settori di attività e indagini presso rivenditori su pratiche che possono violare il diritto dell'UE in materia di consumatori;
  • strumenti di networking, compresi workshop, ad esempio per facilitare la cooperazione con altre autorità pubbliche all'interno degli Stati membri e altri mezzi di contrasto, compreso l'acquisto di attrezzature e hardware o software per indagini digitali e per test di prodotti.

I progetti per azioni di utilità eccezionale definite dal bando possono coprire le suddette attività e dovrebbero coinvolgere almeno tre Stati membri o dovrebbero riguardare violazioni che causano o possono causare danni in due o più Stati membri.

I progetti dovranno avere una durata massima di 36 mesi.

Chi può partecipare

Per essere ammissibili, i richiedenti devono essere, alla data di presentazione della proposta, uno dei seguenti soggetti:

  • Enti notificati alla Commissione ai sensi dell'articolo 8 del regolamento (UE) 2017/2394:
    • autorità competenti;
    • uffici unici di collegamento;
    • organismi designati;
    • soggetti che effettuano segnalazioni esterne ai sensi dell'articolo 27, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2017/2394;
  • "Altre autorità pubbliche" al fine di assistere le autorità competenti su loro richiesta nell'ambito dell'attività proposta e in conformità all'articolo 6 del regolamento (UE) 2017/2394.

Gli enti di cui sopra dovrebbero essere stabiliti in uno dei paesi ammissibili, vale a dire:

  • Stati membri dell'UE (compresi i paesi e territori d'oltremare (PTOM))
  • paesi extra UE:
    • paesi SEE e paesi associati al Programma o paesi con cui sono in corso negoziati per un accordo di associazione la cui entrata in vigore è prevista prima della firma della sovvenzione (elenco dei paesi partecipanti).

Sono ammesse proposte da parte di singoli richiedenti e da consorzi. Gli enti possono provenire dallo stesso paese o da paesi ammissibili diversi.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 1.000.000 Euro

Quota di cofinanziamento: 50% delle spese ammissibili

Link e Documenti

 

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Regolamento (UE) 2017/2394

Regolamento del Programma per il mercato unico

Allegati alla proposta di Regolamento

SMP-CONS-2021-CPC

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Attenzione: nel caso di azioni di eccezionale utilità, il tasso di cofinanziamento è aumentato al 70% dei costi ammissibili.

I progetti dovrebbero tenere conto dei risultati dei progetti sostenuti da altri programmi di finanziamento dell'UE. Le complementarità devono essere descritte nelle proposte progettuali (Parte B della Domanda di Ammissione) se pertinenti. È possibile proporre KPI o indicatori di performance per le diverse attività, se pertinenti, rispetto ai quali verranno valutate le attività presentate.

I progetti devono rispettare gli interessi e le priorità della politica dell'UE(come la politica ambientale, sociale, di sicurezza, industriale, commerciale, ecc.).

Le proposte progettuali relative al rafforzamento delle capacità delle autorità competenti, che includono lo sviluppo o l'acquisto di software o di apparecchiature informatiche dovrebbero allinearsi al meglio con l'azione 13 dell'agenda dei consumatori della Commissione del 13 novembre 2020 (EU e-Lab).

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.

Dotazione Complessiva
€ 100.000.000
Co-finanziamento
50%
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Difficile
Richiesta approfondita esperienza nella progettazione. Consigliato affiancamento da parte di professionisti esperti.
Condividi
Registrati e consulta tutti i bandi aperti