Scadenza
31 marzo 2021
Archiviato

PROGRAMMA/ENTE DI FINANZIAMENTO

Regione Emilia-Romagna

Vai al bando
Pubblicato sulla piattaforma il 12 Marzo 2021
Bando scaduto

Finalità

La Regione Emilia-Romagna, in applicazione della L.R. 37/94 e ss.mm., intende sostenere l’attuazione di progetti che prevedano attività e iniziative di dimensione sovralocale, coerenti con gli obiettivi indicati nel Programma degli interventi per il triennio 2019-2021 per la promozione di attività culturali.

Interventi ammissibili

Sono ammissibili progetti mirati alla promozione della cultura nelle sue molteplici forme ed espressioni.

Spese ammissibili per Organizzazioni, Associazioni culturali e Istituzioni culturali:

  • spese generali (utenze, affitto sede, materiali di consumo, cancelleria e simili, spese postali, personale non volontario, spese pulizia, guardiania). L'ammontare delle spese generali non può superare il 40% delle spese ammissibili del progetto;
  • pubblicità, promozione (spese di tipografia, affissione, web, ufficio stampa) e segreteria organizzativa esterna. Possono essere qui comprese anche spese per pubblicazioni di libri, dvd, cd o altro materiale purché non a fini commerciali;
  • affitto sale e allestimenti;
  • service e noleggi attrezzature;
  • compensi a relatori, ricercatori, esecutori e direzione artistica, inclusi Premi;
  • ospitalità e trasferimenti;
  • rimborsi e spese di viaggio sostenute direttamente dal soggetto Titolare e/o (solo nel caso di progetto di rete) dai compartecipanti per personale proprio o volontario per attività connesse al progetto;
  • spese di rappresentanza per un importo complessivo non superiore al 5% delle spese ammissibili del progetto;
  • diritti d’autore e connessi;
  • spese di assicurazione;
  • occupazione suolo pubblico e permessi.

Spese ammissibili perComuni e Unioni di Comuni:

  • Pubblicità, promozione (spese di tipografia, affissione, web, ufficio stampa) e segreteria organizzativa. Possono essere qui comprese anche spese per pubblicazioni di libri, dvd, cd o altro materiale purché non a fini commerciali;
  • affitto sale e allestimento;
  • service e noleggio attrezzature;
  • compensi a relatori, ricercatori, esecutori e direzione artistica esterna;
  • ospitalità e trasferimenti;
  • spese di rappresentanza per un importo complessivo non superiore al 5% delle spese ammissibili del progetto;
  • diritti d’autore e connessi;
  • spese di assicurazione;
  • contributi ad associazioni che partecipano alla realizzazione del progetto (spesa non ammissibile per i Comuni capoluogo di Provincia)

I progetti devono essere realizzati nell'anno solare 2021. I progetti non possono cominciare prima del 1° gennaio 2021. Non sono ammissibili i progetti già conclusi alla data di scadenza dell’avviso.

Sono considerate non ammissibili:

  • spese di acquisto di beni strumentali durevoli (compresi personal computer e relativi hardware) e qualsiasi spesa considerata di investimento;
  • spese per l’approvvigionamento di cibi e bevande destinati alla vendita;
  • spese di manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili;
  • la quantificazione economica del lavoro volontario;
  • erogazioni liberali;
  • progetti di spettacolo dal vivo presentati da soggetti privati che beneficiano, nell’anno 2021, di contributi regionali ai sensi della L.R. n. 13/1999 “Norme in materia di spettacolo”.

Chi può partecipare

Possono presentare domanda:

  • Associazioni culturali e Organizzazioni iscritte rispettivamente nei registri regionali delle associazioni di promozione sociale o del volontariato. Il requisito di iscrizione è obbligatorio sia per i titolari di progetti sia per coloro che aderiscono a progetti di rete;
  • Istituzioni culturali, ossia fondazioni ed altri enti, escluse le associazioni, in possesso dei seguenti requisiti:
    • operare senza fini di lucro;
    • prestare servizi nel campo culturale;
    • svolgere attività non saltuaria e di rilevante valore culturale da almeno due anni;
    • disporre di strutture, attrezzature e organizzazione adeguate allo svolgimento delle proprie attività;
    • garantire responsabilità di direzione scientifica;
    • disporre di risorse patrimoniali adeguate alle esigenze gestionali ed in particolare alla realizzazione dei programmi di attività proposti.
  • Comuni
  • Unioni di Comuni

Sono ammissibili progetti presentati in forma singola o associata (di rete).

Non possono partecipare a progetti di rete: Comuni capoluogo, Unioni di Comuni e Istituzioni culturali.

I comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti, possono partecipare solo in forma associata.

Entità del contributo

Attenzione: la dotazione finanziaria -importo minimo/massimo e quota di cofinanziamento - varia in base alla presenza o meno di un partenariato e in base alla sua dimensione e natura. Pertanto, si consiglia di prestare molta attenzione nel momento della scrittura della proposta progettuale e di consultare la tabella n. 6.7 del bando.

Ripartizione della dotazione economica:

Organizzazioni e Associazioni culturali

  • Contributo minimo per progetto: 15.000 Euro
  • Contributo massimo per progetto: 150.000 Euro
  • Quota di cofinanziamento:70% delle spese ammissibili

Nel caso di progetto singolo, la quota di cofinanziamento ad ogni progetto può arrivare:

  • fino al60% delle spese ammissibili per un ammontare complessivo tra 15.000 e 70.000 Euro;
  • fino al50% delle spese ammissibili per un ammontare complessivo tra 70.000 e 150.000 Euro;

Nel caso diprogetto di rete, la quota di cofinanziamento ad ogni progetto può arrivare:

  • fino al70% delle spese ammissibili per un ammontare complessivo tra 15.000 e 70.000 Euro;
  • fino al60% delle spese ammissibili per un ammontare complessivo tra 70.000 e 150.000 Euro.

Istituzioni Culturali

  • Contributo minimo per progetto: 15.000 Euro
  • Contributo massimo per progetto: 200.000 Euro
  • Quota di cofinanziamento:50% delle spese ammissibili

Comuni capoluogo di Provincia

  • Contributo minimo per progetto: 40.000 Euro
  • Contributo massimo per progetto: 200.000 Euro
  • Quota di cofinanziamento:50% delle spese ammissibili

Per la categoria Comuni capoluogo di Provincia, i progetti possono rientrare in due fasce:

  • Da 40.000 a 100.000 Euro. I progetti rientranti in questa fascia potranno ricevere una quota di cofinanziamentomassimo fino al 40% dell’ammontare complessivo delle spese ammissibili;
  • Da 100.000 a 200.000 Euro. I progetti rientranti in questa fascia potranno ricevere una quota di cofinanziamento massimo fino al 30% dell’ammontare complessivo delle spese ammissibili.

Unioni di Comuni

  • Contributo minimo per progetto: 20.000 Euro
  • Contributo massimo per progetto: 150.000 Euro
  • Quota di cofinanziamento:40% delle spese ammissibili

Comuni non capoluogo di Provincia con popolazione superiore ai 15.000 abitanti

  • Contributo minimo per progetto: 20.000 Euro
  • Contributo massimo per progetto: 150.000 Euro
  • Quota di cofinanziamento:40% delle spese ammissibili

Nel caso diprogetto singolo, la quota di cofinanziamento ad ogni progetto può arrivare:

  • fino al40% delle spese ammissibili per un ammontare complessivo tra 20.000 e 70.000 Euro;
  • fino al30% delle spese ammissibili per un ammontare complessivo tra 70.000 e 150.000 Euro;

Nel caso diprogetto di rete, la quota di cofinanziamento ad ogni progetto può arrivare:

  • fino al50% delle spese ammissibili per un ammontare complessivo tra 20.000 e 70.000 Euro;
  • fino al40% delle spese ammissibili per un ammontare complessivo tra 70.000 e 150.000 Euro.

Comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti

  • Contributo minimo per progetto: 20.000 Euro
  • Contributo massimo per progetto: 150.000 Euro

La quota di cofinanziamento ad ogni progetto può arrivare:

  • fino al 50% delle spese ammissibili per un ammontare complessivo tra 20.000 e 70.000 Euro;
  • fino al 40% delle spese ammissibili per un ammontare complessivo tra 70.000 e 150.000 Euro.

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Per ogni categoria di enti ammissibili, il bando prevede delle specifiche in merito ai costi ammissibili, alla modalità di avvio del partenariato e alla sua composizione, come riportato di seguito:

  • Progetti presentati in forma singola

I progetti in forma singola sono predisposti e gestiti dal soggetto titolare. Il soggetto titolare può stringere legami di collaborazione con altri soggetti, pubblici e/o privati, nella fase di progettazione o realizzazione.

I costi ammissibili, sia quelli previsti nella fase di presentazione del progetto, sia quelli effettivamente sostenuti ovvero dichiarati in fase di rendicontazione, possono essere esclusivamente quelli intestati e sostenuti dal soggetto titolare.

  • Progetti presentati da Comuni capoluogo di Provincia

I progetti presentati dai Comuni capoluogo di Provincia sono ammissibili qualora rientrino in una delle due seguenti tipologie:

  • Manifestazione annuale di cui si siano già svolte almeno quattro edizioni;
  • Progetto di rilevanza nazionale e/o internazionale.

N.B: Il Comune di Cesenaè considerato Comune capoluogo di Provincia.

  • Progetti presentati in forma associata o di rete da Associazioni e Organizzazioni

Il progetto in forma associata o di rete prevede che il soggetto titolare si faccia carico della presentazione della domanda e della rendicontazione complessiva, nonché del coordinamento delle attività. All’ideazione e realizzazione del progetto complessivo o di singole iniziative partecipano soggetti terzi che si fanno carico di alcuni aspetti o ambiti o eventi del progetto comune, a cui hanno formalmente aderito.

L’adesione necessita di una formalizzazione tramite accordo o lettera di adesione sottoscritto dai legali rappresentanti in data antecedente la presentazione della domanda di contributo e conservato a cura del soggetto titolare.

Al progetto di rete devono partecipare almeno tre soggetti tra Associazioni e Comuni non capoluogo di Provincia. Tutte le Associazioni aderenti al progetto di rete devono essere iscritte ai Registri Regionali.

Le spese possono essere intestate oltre che al titolare anche ai soggetti aderenti alla rete. In fase di istruttoria il gruppo di lavoro provvederà alla verifica e alla validazione del progetto di rete.

  • Progetti presentati in forma associata o di rete da Comuni non capoluogo di Provincia

Per progetto in forma associata (o di rete) si intende la partecipazione all’ideazione e alla realizzazione del progetto complessivo da parte di Comuni e Associazioni.

Al progetto devono partecipare almeno tre Comuni non capoluogo di Provincia. Possono inoltre fare parte del progetto di rete anche Associazioni iscritte ai Registri Regionali di cui alle LL.RR. n. 34/2002 e n. 12/2005 e ss.mm.

Sia per i soggetti pubblici che per i privati, l’adesione necessita di una formalizzazione tramite accordo o lettera di adesione sottoscritto dai legali rappresentanti in data antecedente la presentazione della domanda di contributo da conservare a cura del soggetto titolare. Ciascun progetto può comprendere più attività.

Ai sensi dell’art. 6 della L.R. 37/94 tutti i Comuni aderenti al progetto di rete devono concorrere finanziariamente alla realizzazione del progetto: ciò significa che l’adesione al progetto di rete deve obbligatoriamente prevedere la partecipazione economica di ogni Comune aderente ed eventualmente anche quella progettuale-operativa.

  • Progetti presentati da Unioni di Comuni

Nella tabella al paragrafo 6.7 del bando sono illustrate in forma schematica le combinazioni possibili di presentazione delle domande di contributo da parte dei soggetti pubblici e privati che posseggono le caratteristiche previste dal bando.

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.

Vai al bando
Pubblicato sulla piattaforma il 12 Marzo 2021
Bando scaduto
Hai bisogno di supporto?
Affidati ai nostri esperti per una consulenza personalizzata