Bando per la riduzione degli ostacoli e la promozione dell'accesso ai servizi di base per i cittadini di paesi terzi

Scadenza
16 febbraio 2021
Archiviato

PROGRAMMA/ENTE DI FINANZIAMENTO

Commissione Europea - AMIF (Asylum, Migration and Integration Fund) 

Dotazione Complessiva
€ 6.000.000
Finanziamento Massimo
€ 1.500.000
Finanziamento Minimo
€ 750.000
Co-finanziamento
90%
Vai al bando
Bando scaduto

Finalità

Il Pgramma AMIF (Asylum, Migration and Integration Fund) mira a sostenere azioni per la gestione efficiente dei flussi migratori e l’attuazione, rafforzamento e sviluppo di un approccio comune dell’Unione in materia di asilo, protezione sussidiaria e protezione temporanea.

L'obiettivo del bando è quello di migliorare l'accesso ai servizi di base per i cittadini di paesi terzi, identificando e riducendo gli ostacoli in una o più delle seguenti aree:

  • Assistenza sanitaria, salute mentale, supporto psicologico, informazioni e supporto relativi a COVID-19
  • Mercato del lavoro, in particolare accesso ai servizi pubblici per l'impiego e alla formazione professionale
  • Benefici della sicurezza sociale
  • Abitazione
  • Alfabetizzazione finanziaria e accesso ai servizi finanziari
  • Istruzione continua dal livello primario a quello terziario

In particolare, l'obiettivo è migliorare la qualità e la disponibilità delle informazioni sull'accesso a questi servizi, la capacità dei fornitori di servizi di trattare con i cittadini di paesi terzi, il linguaggio di indirizzo, barriere culturali e altre possibili barriere nell'accesso a questi servizi. Di conseguenza, le proposte dovrebbero includere un "approccio multi-stakeholder" e garantire il coinvolgimento degli attori interessati.

Interventi ammissibili

Le azioni finanziabili possono concentrarsi sulla fornitura di uno specifico servizio di base o su un approccio trasversale all'accesso ai servizi di base, e possono includere anche l'organizzazione di corsi di formazione, conferenze, webinar, mappatura e ricerca.

Le proposte possono riguarda le seguenti azioni (elenco non esaustivo):

  • Sviluppo e sperimentazione di sportelli unici locali per fornire informazioni e orientamento a un'ampia gamma di servizi, ad es. alloggio, assistenza sanitaria, istruzione, ecc .;
  • Meccanismi e / o strutture per fornire l’accesso servizi, quali assistenza sanitaria, istruzione, alloggi sociali, formazione per il personale in contatto con cittadini di paesi terzi (medici, infermieri, insegnanti, assistenti sociali, interpreti e personale amministrativo);
  • Strutturazione di una cooperazione tra attori rilevanti in relazione a strumenti e / o metodi innovativi per fornire servizi di supporto psicologico ai cittadini di paesi terzi, in particolare vittime di violenza, trauma e / o tortura;
  • Preparazione e fornitura di corsi di lingua e sostegno adeguati per cittadini di paesi terzi che hanno le qualifiche necessarie per accedere a programmi di istruzione professionale o superiore;
  • Supporto per l'accesso agli alloggi attraverso meccanismi di informazione riguardo alle proprietà disponibili e mediazione tra cittadini di paesi terzi e proprietari;
  • Azioni relative all'alfabetizzazione finanziaria dei cittadini di paesi terzi e all'agevolazione dell'accesso ai servizi finanziari (campagne di sensibilizzazione, corsi di formazione, semplificazione delle procedure per aprire conti digitali);
  • Formazione adeguata da parte di istituzioni qualificate per interpreti coinvolti nel supporto all'accesso ai servizi di base per i cittadini di paesi terzi;
  • Supporto per lo sviluppo di capacità per i fornitori di servizi di competenze interculturali;
  • Promozione della definizione degli standard di interpretazione del servizio pubblico, nonché formazione di interpreti coinvolti nel supporto per l’accesso ai servizi di base per i cittadini di paesi terzi;
  • Formazione degli insegnanti per i cittadini di paesi terzi al fine di ampliare le loro competenze nel trattare con i bambini migranti;
  • Impostazione di programmi di apprendimento delle lingue per le esigenze degli studenti in termini di competenza comunicativa.

Le azioni possono essere rivolte a cittadini di paesi terzi in generale o concentrarsi su gruppi specifici, come donne migranti, bambini o categorie vulnerabili.

I progetti devono avere una durata massima di 36 mesi.

Chi può partecipare

Possono presentare domanda come capofila:

  • Enti pubblici;
  • Enti privati senza scopo di lucro;

Possono presentare domanda come partner:

  • Enti pubblici;
  • Enti privati senza scopo di lucro
  • Organizzazioni a scopo di lucro;

Non sono ammissibili:

  • Sindacati;
  • Persone fisiche.

I candidati devono essere stabiliti nei seguenti paesi:

  • Gli Stati membri dell'Unione europea ad eccezione della Danimarca.

Per poter partecipare al bando, i partenariati devono essere composti da almeno 5 Enti di 5 diversi Paesi Membri partecipanti all'AMIF. 

Il partenariato deve avere i seguenti requisiti:

  • Coinvolgere candidati provenienti da diverse regioni dell'UE.
  • Coinvolgere direttamente le autorità locali e regionali come capofila o partner.
  • Includere partner chiave come autorità locali e regionali, autorità pubbliche nazionali, parti economiche e sociali, datori di lavoro, attori dell'economia sociale e organizzazioni della società civile, comprese le associazioni di migranti e le comunità locali.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 6.000.000 Euro

Contributo minimo per progetto: 750.000 Euro

Contributo massimo per progetto: 1.500.000 Euro

Quota di co-finanziamento: 90%

Link e Documenti

Codice bando: AMIF-2020-AG-CALL-02: Reducing obstacles and promoting access to basic services for third-country nationals

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Amif Work Programme

Linee guida

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Si ricorda che, come richiesto dal bando, i candidati devono essere in grado di dimostrare di fonti di finanziamento stabili e sufficienti per mantenere la loro attività per tutta la durata della sovvenzione e per partecipare con risorse proprie.

A tal fine, verranno richiesti i seguenti documenti:

  • Il conto profitti e perdite;
  • Il bilancio.

Per gli Enti di nuova creazione, un business plan può sostituire i documenti di cui sopra.

In caso di scarsa capacità finanziaria, la Commissione può decidere quanto segue:

  • Richiedere ulteriori documenti;
  • Richiedere modifiche al budget / riallocazioni dei costi;
  • Introdurre pagamenti intermedi basati su relazioni intermedie;
  • Modificare la percentuale di prefinanziamento.

In caso di capacità finanziaria insufficiente, la Commissione può decidere quanto segue:

  • Richiedere un cambio di partner;
  • Rifiutare la domanda di finanziamento.

Una valutazione della capacità finanziaria non sarà effettuata se:

  • il candidato è un ente pubblico o un'organizzazione internazionale;
  • Il contributo dell'UE richiesto dal richiedente o dal co-richiedente è ≤ 60.000 Euro.

Se la quota richiesta da un'organizzazione supera i 750.000 Euro, questa organizzazione dovrà fornire anche una relazione di audit prodotta da un revisore esterno autorizzato che certifichi i suoi conti per l'ultimo esercizio chiuso.

Si fa inoltre presente che la Commissione europea accoglierà favorevolmente proposte che coinvolgano candidati provenienti da più Stati membri rispetto al numero minimo identificato nei criteri di ammissibilità. Infine, si ricorda l’importanza di formare un partenariato eterogeneo tra realtà che abbiano un’esperienza radicata nel settore dell’integrazione sociale dei migranti.

 

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.

Dotazione Complessiva
€ 6.000.000
Finanziamento Massimo
€ 1.500.000
Finanziamento Minimo
€ 750.000
Co-finanziamento
90%
Vai al bando
Bando scaduto
Condividi
Registrati e consulta tutti i bandi aperti