Bando per la concessione di contributi selettivi per opere cinematografiche in regime di coproduzione o di compartecipazione internazionale minoritaria – Anno 2022

Scadenza: 23 settembre 2022
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Ministero della Cultura - Direzione generale cinema e audiovisivo

Dotazione Complessiva
€ 5.000.000
Finanziamento Massimo
€300.000
Co-finanziamento
60%
Vai al bando
Bando scaduto

Finalità

Il bando supporta la produzione di opere cinematografiche di lungometraggio,incluse le opere di ricerca e formazione, realizzate in coproduzione internazionale o in compartecipazione internazionale, in cui la partecipazione dell’impresa italiana sia minoritariarispetto alla partecipazione dell’impresa non italiana che possiede la quota più alta di diritti di utilizzazione e sfruttamento sull’opera.

Interventi ammissibili

Il bando co-finanzia la produzione di:

  • opere cinematografiche, ossia opere audiovisive destinate prioritariamente al pubblico per la visione nelle sale cinematografiche;
  • opere di ricerca e formazione, ossia:
    • opere audiovisive di finzione di lungometraggio aventi un costo complessivo di produzione inferiore a 1.500.000 Euro;
    • opere di documentario di lungometraggio aventi un costo complessivo di produzione inferiore a 1.000.000 Euro;
    • opere di cortometraggio aventi un costo complessivo di produzione inferiore a euro 200.000 Euro.

Le opere suindicate dovranno essere realizzate:

  • in coproduzione internazionale, ossia da una o più imprese italiane e una o più imprese non italiane aventi sede in uno Stato con il quale esiste ed è vigente un Accordo di coproduzione cinematografica e audiovisiva, riconosciuta di nazionalità italiana sulla base delle disposizioni contenute nel provvedimento emanato ai sensi dell’articolo 5, comma 2, della legge n. 220 del 2016, oppure;
  • in compartecipazione internazionale, ossia da una o più imprese italiane e una o più imprese non italiane aventi sede in uno Stato con il quale non esistono Accordi di coproduzione cinematografica e audiovisiva.

Inoltre, le opere devono avere una quota di coproduzione o compartecipazione italiana minoritaria rispetto alla quota della società dell’altro Paese coinvolto.

Le opere devono essere realizzate prevedendo adeguati strumenti tesi a favorirne la fruizione da parte delle persone con disabilità sensoriale, con particolare riferimento all’audiodescrizione e alla sottotitolazione.

Il contributo può essere utilizzato per coprire parte dei costi di produzione correlati a:

  • scrittura e acquisto diritti;
  • regia;
  • cast artistico;
  • pre-produzione e produzione;
  • animazione;
  • post-produzione e lavorazioni tecniche.

Chi può partecipare

La richiesta di contributo può essere presentata da un’impresa cinematografica o audiovisiva italiana, anche in associazione con altre imprese italiane appartenenti alla stessa categoria, nell’ambito di un rapporto di coproduzione internazionale o di compartecipazione internazionale.

Le imprese italiane richiedenti devono possedere i seguenti requisiti:

  • avere sede legale nello Spazio Economico Europeo;
  • essere soggetti a tassazione in Italia;
  • non essere qualificabili come imprese non europee;
  • essere qualificabili come produttori indipendenti;
  • essere iscritti nella sezione ordinaria del Registro delle imprese ed operare con il codice Ateco 59.11.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 5.000.000 Euro

Contributo massimo per progetto: 300.000 Euro

Quota di co-finanziamento: 60%

    Link e Documenti

    Pagina web per formulari e documenti

    Bando

    Vademecum coproduzioni minoritarie 2022 (31/03/2022)

    Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

    Consigli degli esperti

    Attenzione! I fondi stanziati verranno erogati in due sessioni da 2.500.000 Euro ciascuna:

    • prima sessione: dal 31 marzo 2022 al 3 maggio 2022;
    • seconda sessione: dal 2 al 23 settembre 2022.

    Per quanto attiene i requisiti di eleggibilità e le condizioni per accedere al contributo (cfr. art. 2, pagg. 6-7 del bando). I requisiti indicati sono specifici e restrittivi è quindi fondamentale leggerli con cura prima di procedere alla candidatura.

    Attenzione! Si ricorda che entro la data di richiesta del contributo, l’opera, a pena di inammissibilità, deve avere ottenuto la nazionalità italiana provvisoria quale opera in coproduzione o compartecipazione internazionale.

    Si consiglia di prendere attenta visione della tabella riportata in calce al bando contenente i criteri e i sotto-criteri di valutazione e i punteggi massimi assegnabili per ogni criterio. 

    Se hai dubbi e bisogno di chiarimenti, si ricorda che è attivo un servizio di assistenza a cui è possibile accedere tramite l’attivazione di un ticket nella apposita sezione dell’area riservata (“Assistenza”), specificando il codice della domanda e la tipologia di supporto che si richiede (supporto informatico per le problematiche tecniche; supporto modulistica per questioni di natura amministrativa). Solo nel caso in cui non fosse possibile completare la registrazione e quindi accedere all’area riservata, è possibile inviare una richiesta di assistenza all’indirizzo dg-ca.interno1@beniculturali.it.

    Condividi

    Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

    È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.