Borse di studio per progetti di ricerca volti a migliorare la conoscenza del settore delle tecnologie pulite nell’UE

Scadenza: 15 novembre 2021
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Banca Europea per gli Investimenti – EIBURS (Programma di sostegno alla ricerca universitaria)

Finanziamento Massimo
€100.000
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Difficile

Finalità

Il bando si inserisce nell’ambito del programma EIBURS (Programma di sostegno alla ricerca universitaria) ed ha come obiettivo quello di migliorare la conoscenza del settore delle tecnologie pulite nell’UE. Le domande a cui si propone di rispondere sono le seguenti: in che modo le imprese del settore delle tecnologie pulite contribuiscono al conseguimento degli obiettivi strategici dell’UE? Quali scelte dovrebbero operare i responsabili politici per promuovere un ecosistema sano? Infine, oggetto di esame sono anche le implicazioni del Green Deal europeo sulla domanda di capitale azionario delle piccole e medie imprese.

Interventi ammissibili

I ricercatori sono invitati a presentare una proposta contenente una strategia che abbracci i filoni di ricerca di seguito elencati:

Mappatura globale del settore delle tecnologie pulite dell’UE, con particolare riferimento all’obiettivo di mitigazione in quanto elemento fondamentale nell’ambito del Green Deal. In sede di realizzazione della mappatura i ricercatori sono fortemente incoraggiati a dare risalto alle tecniche di visualizzazione innovative; elementi essenziali del filone di ricerca sono:

  • la compilazione di una tipologia delle imprese del settore delle tecnologie pulite; ai ricercatori si richiede di non limitarsi all’obiettivo climatico ma di includere tutti gli aspetti del Green Deal europeo 21.9.2021 IT Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C 383/7
  • la discussione delle carenze dei metodi di classificazione esistenti, ad esempio i codici NACE dei settori e la Tassonomia dell’UE per gli investimenti sostenibili, come punto di partenza per l’individuazione delle imprese attive nello sviluppo delle tecnologie pulite
  • un excursus storico sullo sviluppo del settore delle tecnologie pulite e relative dimensioni attuali
  • un’analisi della distribuzione geografica delle imprese del settore delle energie pulite nell’UE che metta tra l’altro in rilievo le dinamiche dell’andamento geografico nel tempo
  • una particolare attenzione per il ruolo delle piccole e medie imprese.

Analisi causale dell’impatto ambientale dell’attività imprenditoriale svolta dalle piccole e medie imprese nell’ambito delle tecnologie pulite; i ricercatori sono invitati a proporre una metodologia volta a stabilire una relazione causale tra l’attività imprenditoriale delle piccole e medie imprese dell’UE attive nel campo delle tecnologie pulite (ad esempio in termini di brevetti di innovazioni tecnologiche nel settore, investimenti in capitale di rischio, start-up dedicate, ecc.) e gli indicatori chiave delle prestazioni ambientali che risultano fondamentali ai fini del Green Deal europeo.

Analisi causale finalizzata ad individuare i fattori abilitanti dello sviluppo di un ecosistema delle tecnologie pulite, con particolare riferimento all’aspetto del finanziamento azionario; alla luce delle conclusioni formulate nell’ambito del primo filone, i ricercatori sono invitati a proporre una metodologia empirica volta ad individuare gli strumenti strategici fondamentali per lo sviluppo di ecosistemi locali delle tecnologie pulite, con particolare attenzione all’aspetto del finanziamento azionario.

Esame delle implicazioni del Green Deal europeo sulla domanda di capitale azionario delle PMI nel decennio 2020-2030; il filone conclusivo del progetto punta a individuare, nell’ambito delle tecnologie pulite, i settori e le aree geografiche potenzialmente interessati da un incremento della domanda di capitale azionario in funzione delle modifiche normative attese a seguito del Green Deal europeo; i ricercatori sono inoltre invitati a proporre una metodologia di calcolo della domanda di capitale azionario così implicitamente generata.

Chi può partecipare

Possono partecipare:

  • Università dell’UE
  • Centri di ricerca associati a università dell’Unione europea, dei paesi candidati o potenziali candidati impegnati in ricerche di significativo interesse per la Banca.

Entità del contributo

Le borse di studio EIBURS prevedono una dotazione annua complessiva fino a 100.000 Euro su un periodo di tre anni.

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Attenzione! Le proposte dovranno essere redatte obbligatoriamente in lingua inglese.

Si consiglia di leggere attentamente la documentazione da allegare alla proposta al paragrafo 4 del bando.

Rimani aggiornato anche in fase di candidatura! Mentre scrivi la proposta progettuale, consulta regolarmente la pagina ufficiale del bando, dove saranno pubblicati aggiornamenti e informazioni supplementari riguardanti l’invito.

Condividi
Scopri le funzionalità avanzate
  • Schede bando complete
  • Monitoraggio personalizzato
  • Salvataggio ricerche
  • Aggiornamento quotidiano
Prova gratis per 7 giorni

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.