Conflitto e cambiamento climatico: una nuova sfida e un’opportunità per la costruzione della pace

Scadenza
25 giugno 2021
Archiviato

PROGRAMMA/ENTE DI FINANZIAMENTO

Commissione Europea – International Partnership - Instrument contributing to Stability and Peace (IcSP)

Dotazione Complessiva
€ 6.000.000
Finanziamento Massimo
€ 1.500.000
Finanziamento Minimo
€ 3.000.000
Co-finanziamento
95%
Vai al bando
Bando scaduto

Finalità

Il bando si inserisce nel quadro del Documento Strategico Tematico 2014-2020 e del Programma indicativo pluriennale 2018-2020 relativo allo strumento Stability and Peace (IcSP), incentrato sulla risposta e la preparazione alle crisi, la prevenzione dei conflitti e la costruzione della pace. L’azione vuole rispondere alle necessità dell'UE di contribuire ad aumentare l'ambizione globale in materia di clima e di sostenere le regioni e i settori che devono far fronte a sfide particolari nella transizione climatica.

Obiettivo primario del bando è supportare le comunità e/o alle autorità per prevenire/mitigare i conflitti derivanti dal cambiamento climatico e dalle misure di adattamento/mitigazione del cambiamento climatico.

Il bando finanzia progetti che si occupino dei seguenti settori e temi specifici:

  • analisi dei conflitti
  • cambiamento climatico
  • prevenzione dei conflitti
  • preparazione o risposta alle crisi
  • promozione della pace e dell’inclusione sociale
  • mediazione e risoluzione dei conflitti

Interventi ammissibili

Obiettivi specifici:

  • Rafforzare le strutture di governance a livello locale, nazionale e regionale per affrontare i rischi legati sia ai conflitti che al clima
  • Contribuire al rafforzamento della resilienza delle comunità locali per rispondere meglio e affrontare il cambiamento climatico e i conflitti
  • Migliorare la comunicazione e la collaborazione tra le comunità,dagli esperti di scienza del clima e gestione delle risorse naturali agli attori della costruzione della pace e dello sviluppo

Le priorità sono le seguenti:

  • Sostenere le comunità e le autorità a progettare politiche che assicurino che le misure di adattamento al cambiamento climatico tengano conto del potenziale di conflitto e prendano misure attive per evitarlo
  • Garantire che gli sforzi di costruzione della pace e di prevenzione dei conflitti considerino il cambiamento climatico e le sue conseguenze per le specifiche situazioni di conflitto su cui stanno lavorando
  • Incoraggiare una più stretta collaborazione tra esperti e attivisti in materia di cambiamento climatico e costruzione della pace a livello regionale, nazionale e locale, con l'obiettivo di promuovere l'innovazione e il sostegno a soluzioni innovative scalabili e sensibili ai conflitti, che affrontino l'impatto del cambiamento climatico e costruiscano la resilienza
  • Incoraggiare la progettazione e l'implementazione partecipativa e sensibile ai conflitti,concentrandosi in particolare sul rafforzamento del ruolo della società civile e sull'empowerment delle comunità locali colpite dal cambiamento climatico e dai conflitti

L'ambito geografico è globale, tuttavia i candidati sono tenuti ad affrontare le priorità del bando puntando su un paese o una regione specifica soggetta a conflitti.

Attività ammesse al finanziamento:

  • Migliorare le capacità delle autorità, delle comunità locali nell'ambito del cambiamento climatico e della sicurezza, in particolare per quanto riguarda l'analisi delle strategie di adattamento e di mitigazione, promuovendo la formulazione e l'attuazione di strategie concrete e integrate di prevenzione dei conflitti
  • Avviare e mantenere la cooperazione istituzionale dei principali stakeholders sul tema (esperti di cambiamento climatico, entità di costruzione della pace, decision-makers)
  • Affrontare e sostenere attori e settori criticamente colpiti dal cambiamento climatico e dal conflitto, e sostenere soluzioni innovative e locali
  • Migliorare la capacità di progettare e implementare strategie di adattamento al clima, della società civile e dei decision-makers degli stati più sensibili al conflitto, promuovendo la condivisione di buone pratiche

La durata dei progetti non potrà essere inferiore a 24 mesi e non potrà eccedere i 36 mesi.

Chi può partecipare

Per essere considerato ammissibile, il proponente deve rispettare i seguenti requisiti:

  • essere dotato di personalità giuridica
  • appartenere alle seguenti tipologie di organizzazioni: organizzazioni internazionali, ONG, organizzazioni senza scopo di lucro e aziende private
  • essere legalmente stabilito in uno Stato membro dell'Unione europea o in qualsiasi altro paese o territorio ammissibile indicato nelregolamento n. 236/2014 che stabilisce norme e procedure comuni per l'attuazione degli strumenti di finanziamento dell'azione esterna dell'Unione
  • essere direttamente responsabile della preparazione e della gestione dell'azione, non agendo come intermediario

Il proponente deve formare un partenariato con uno o più co-richiedenti che soddisfino gli stessi i criteri di ammissibilità applicabili al candidato principale.

Se il proponente ha una nazionalità diversa da quella del Paese in cui verrà implementata l’azione, è necessario che il partenariato sia composto almeno da un co-candidato di quei paesi/territori interessati.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 6.000.000 Euro

Contributo minimo per progetto: 1.500.000 Euro

Contributo massimo per progetto: 3.000.000 Euro

Quota di co-finanziamento: tra 80% e 95% delle spese ammissibili.

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Regolamento UE 236/2014

Programma indicativo pluriennale 2018-2020

Documento Strategico Tematico 2014-2020

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Attenzione! Si ricorda che per questo bando la presentazione delle proposte avverrà in due fasi.

Inizialmente sarà richiesto al proponente di compilare solo la concept note (Allegato A.1).

Solo i candidati preselezionati saranno invitati a presentare la domanda completa. Infine, sarà effettuata una verifica di ammissibilità per quelle che sono state selezionate provvisoriamente. La scadenza indicata nella scheda si riferisce alla consegna del concept note.

Modalità di presentazione della domanda:

Le organizzazioni coinvolte nell’azione devono registrarsi nel database online PADOR, accessibile da questo sito. Si ricorda che la registrazione è obbligatoria per i proponenti che richiedono contributi UE superiori a 60.000 Euro.

Si raccomanda vivamente di registrarsi in PADOR con largo anticipo e di non aspettare l'ultimo minuto prima della scadenza per presentare la domanda.

La presentazione delle domande avverrà esclusivamente via PROSPECT,disponibile a questo link.

Si consiglia di leggere attentamente le tipologie di spesa ammissibile al paragrafo 2.1.5.

È molto importante considerare attentamente già dalle primissime fasi della progettazione i criteri di valutazione riportati nel dettaglio in una tabella esemplificativa a pag.22-23 del bando.

Il budget può comprendere una riserva per imprevisti non superiore al 5 % dei costi diretti ammissibili stimati. Essa può essere utilizzata solo previa autorizzazione scritta.

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.

Dotazione Complessiva
€ 6.000.000
Finanziamento Massimo
€ 1.500.000
Finanziamento Minimo
€ 3.000.000
Co-finanziamento
95%
Vai al bando
Bando scaduto
Condividi
Registrati e consulta tutti i bandi aperti