Scadenza: 25 novembre 2022
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Regione Lazio

Dotazione Complessiva
€ 3.000.000
Finanziamento Massimo
€900.000
Co-finanziamento
70%
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Intermedio

Finalità

L’avviso è finalizzato a promuovere in modo integrato l’attivazione e/o il consolidamento di una rete di servizi sul territorio regionale finalizzati ad armonizzare il tempo di lavoro e la cura dei bambini in risposta alle esigenze dei lavoratori e della famiglia nel suo complesso. La necessità di un rafforzamento dell’offerta di servizi educativi deriva anche dal quadro problematico che emerge a livello regionale, ed in particolare dalla carenza di strutture adibite ad asilo nido.

L’Avviso si riferisce, in particolare, all’esecuzione di interventi di carattere edilizio finalizzati alla realizzazione di nidi o Poli per l’Infanzia all’interno di sedi lavorative presenti sul territorio regionale.

Interventi ammissibili

L’Avviso finanzia progetti riferibili alle seguenti tipologie di intervento:

  • interventi di manutenzione ordinaria;
  • interventi di manutenzione straordinaria;
  • interventi di restauro e di risanamento conservativo;
  • interventi di ristrutturazione edilizia;
  • interventi di nuova costruzione.

Sono ammissibili a contributo anche le opere:

  • finalizzate alla creazione di un Polo per l’Infanzia o di un nido all’interno di una sede aziendale del Soggetto Proponente attiva sul territorio della Regione Lazio;
  • che prevedano eventuali ampliamenti da realizzare in aderenza a edifici esistenti, purché conformi agli standard urbanistici vigenti sul territorio comunale di competenza oltre che alla vigente normativa nazionale in materia;
  • riconducibili alla cosiddetta demolizione e ricostruzione di edifici esistenti con diversi sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche.

l nuovo nido dovrà essere collocato al piano terreno, in diretta comunicazione con lo spazio aperto di pertinenza ad uso esclusivo, con affaccio diretto oppure con percorso di collegamento dedicato e ad uso esclusivo, senza interferenze con la regolare attività produttiva e/o lavorativa della sede aziendale

Ogni progetto di Nido Aziendale dovrà prevedere l’apertura al territorio di riferimento, attraverso la stipula di un’apposita di convenzione con il Comune/Municipio di riferimento, riservando alle bambine ed ai bambini ivi residenti o domiciliati una quota non inferiore al 20% della capacità massima del servizio. Il progetto di Nido Aziendale potrà essere comunque aperto in regime privato anche ai bambini di genitori non-dipendenti dell’azienda.

Qualora il Comune/Municipio non sia intenzionato o non abbia la possibilità di convenzionarsi, andrà presentata esplicita dichiarazione del Comune/Municipio attestante la rinuncia al convenzionamento.

Sono destinatari finali degli interventi i bambini di fascia di età compresa tra 3 e 36 mesi.

Chi può partecipare

Possono presentare domanda di contributo le aziende private e/o a partecipazione pubblica e/o gli enti dipendenti e strumentali della Regione Lazio, costituiti in qualsiasi forma, e in possesso dei requisiti di partecipazione espressi nel bando (Cfr. Art. 6, pag. 6 del bando).

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 3.000.000 Euro

Il finanziamento è concesso in forma di contributo nella misura di:

  • Per interventi di ristrutturazione e/o manutenzione e/o restauro
    • 15.000 Euro per ogni posto bimbo realizzato nel Nido;
    • 18.000 Euro per ogni posto bimbo realizzato nel Polo per l’Infanzia;
  • Per interventi di nuova costruzione
    • 25.000 Euro per ogni posto bimbo realizzato nel Nido;
    • 30.000 Euro per ogni posto bimbo realizzato nel Polo per l’Infanzia.

fino ad un massimo del 70% dell’importo totale a base d’asta e, comunque, non superiore a complessivi 900.000 Euro.

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Allegato B

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Assicurati di aver compreso le modalità di erogazione del contributo (Cfr. Art. 5, pagg. 5-6 del bando). Possiedi le risorse necessarie per far partire il progetto?

I Soggetti Proponenti possono presentare una o più proposte progettuali con l’indicazione delle priorità di intervento, ma possono essere beneficiari del finanziamento di un solo intervento. Nel caso in cui il Soggetto Proponente, presenti più proposte progettuali, verrà finanziata esclusivamente la proposta progettuale ammessa con il punteggio maggiore.

Attenzione! L’inserimento nella graduatoria non costituisce l’ammissione automatica al contributo: i Soggetti Beneficiari saranno finanziati secondo l’ordine della graduatoria, fino all’esaurimento della dotazione finanziaria.

Assicurati che la tua proposta progettuale rispetti tutti i requisiti necessari per l’ammissione al finanziamento, pena l’esclusione della proposta (Cfr. Art. 6, pagg. 6-8 del bando).

Verifica con attenzione quali sono i costi ammissibili, cioè tutti quei costi che possiamo imputare nel budget di progetto (Cfr. Art. 7, pag. 8 del bando).

Hai bisogno di ulteriori informazioni? Fino al 21 novembre 2022 è possibile richiedere chiarimenti all’indirizzo e-mail cpierdominici@regione.lazio.it.  Alle richieste di chiarimento di interesse generale verrà data risposta mediante pubblicazione di apposite FAQ sul sito www.regione.lazio.it, all’argomento “Sociale e famiglie”, sezione “Documenti”.

Condividi

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.