Contributi per le attività del settore turistico-ricettivo

Scadenza: 30 maggio 2022
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Unioncamere Veneto – Regione Veneto

Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Intermedio

Finalità

Con il bando la Regione Veneto e Unioncamere del Veneto intendono realizzare un’azione congiunta finalizzata a sostenere le imprese del settore turistico-ricettivo dei comuni del Veneto ubicati all'interno di comprensori sciistici, mediante un intervento di ristoro.

Chi può partecipare

Possono partecipare al bando le imprese del settore turistico-ricettivo che:

  • risultano attive ed hanno, da visura camerale, sede legale e/o unità locali attive nei Comuni elencati all’art. 3 (pag. 1 del bando);
  • hanno un codice ATECO primario o secondario, risultante dalla banca dati del Registro delle Imprese delle Camere di commercio, tra quelli di seguito elencati:

Attività turistico-ricettive, svolte da imprese che gestiscono le seguenti tipologie di strutture ricettive:

  • Strutture ricettive alberghiere: alberghi o hotel; villaggi-albergo; residenze turistico-alberghiere, alberghi diffusi. (Codice ATECO 55.1 primario o secondario);
  • Strutture ricettive all’aperto: villaggi turistici e campeggi (Codice ATECO 55.3 primario o secondario);
  • Strutture ricettive complementari: alloggi turistici; case per vacanze; unità abitative ammobiliate ad uso turistico, bed & breakfast, rifugi alpini (Codice ATECO 55.2 primario o secondario).

Altre attività turistico-ricettive: imprese agrituristiche che svolgono attività di alloggio connesse all’azienda agricola (Codice ATECO 55.20.52 primario o secondario).

Attenzione! Le imprese devono avere sede operativa ubicata ad una altitudine superiore a 600 m s.l.m. (Cfr. Art. 4 per la consultazione di tutti i requisiti di ammissibilità).

Entità del contributo

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto a sostegno della liquidità.

Dotazione finanziaria complessiva: 26.132.479 Euro

L’entità dei ristori è erogata tenendo conto del calo di fatturato dell’impresa a seguito della chiusura degli impianti nella stagione sciistica 2020-2021 ed è parametrata al numero dei posti letto, così come risultanti dalla classificazione delle strutture ricettive della Regione Veneto secondo i dati disponibili presso il Sistema Informativo Regionale del Turismo (S.I.R.T.). Le imprese devono avere avuto un calo del fatturato pari almeno al 30% con riferimento al periodo compreso fra il 1° dicembre 2020 e il 30 aprile 2021 rispetto al medesimo periodo della stagione sciistica 2018-2019.

Calcolo del contributo:

  • Strutture ricettive alberghiere: il ristoro viene definito in misura variabile, in proporzione al numero di posti-letto, a partire da un ristoro-base di importo pari a 1.000 Euro/posto-letto.l ristoro-base complessivo viene poi rimodulato in relazione ai seguenti fattori: perdita dei ricavi, dimensione della struttura e localizzazione della struttura rispetto al comprensorio sciistico (Cfr. Art. 7, pagg. 4 del bando).
  • Strutture ricettive all’aperto: il ristoro viene definito in misura variabile, tenuto conto del numero di posti-letto, secondo lo schema sotto riportato:
  • fino a 200 posti letto: 160 Euro/posto-letto;
  • per gli ulteriori posti letto da 201 a 400: 80 Euro/posto-letto;
  • per gli ulteriori posti letto da 401 posti letto in su: 40 Euro/posto-letto.

Il ristoro-base complessivo calcolato viene rimodulato in relazione ai seguenti fattori: perdita dei ricavi e localizzazione del Comune rispetto al comprensorio sciistico.

  • Strutture ricettive complementari: l’importo del ristoro-base (Euro/posto-letto) è di seguito individuato, in relazione alla tipologia di struttura:
  • Alloggi turistici: 400 Euro/posto-letto;
  • Case per vacanze: 600 Euro/posto-letto;
  • Unità abitative ammobiliate ad uso turistico: 400 Euro/posto-letto;
  • Bed & breakfast: 500 Euro/posto-letto;
  • Rifugi alpini: 800 Euro/posto-letto.

Il ristoro-base complessivo viene poi rimodulato in relazione ai seguenti fattori: perdita dei ricavi e localizzazione dei Comuni rispetto al comprensorio sciistico.

  • Altre attività turistico-ricettive (imprese agrituristiche che svolgono attività di alloggio connesse all’azienda agricola): l’importo del ristoro-base è fissato in 500 Euro/posto-letto il quale viene poi rimodulato, analogamente alle strutture ricettive complementari, in relazione ai seguenti fattori:

Contributo massimo per impresa: 200.000 Euro

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Attenzione! Gli importi dei ristori potranno essere ridotti proporzionalmente, in relazione al numero delle domande che saranno ammesse, allo scopo di garantire l’integrale soddisfacimento di tutte le domande.

Assicurati che la sede legale e/o leunità locali della tua impresa si trovi/no in uno dei Comuni elencati dal bando (Cfr. Art. 3, pag. 1 del bando).

Attenzione! Il ristoro massimo concedibile è fissato nell’importo-limite di 200.000 Euro per impresa, salvo il caso in cui l’impresa gestisca più unità operative localizzate nel territorio dei comuni ricompresi nei comprensori sciistici; in questo caso la stessa potrà fruire del ristoro per ogni unità operativa indicata in domanda, entro il limite del triplo del contributo previsto per l’unità operativa maggiormente contribuita.

Si consiglia di consultare il Manuale RESTART per le attività del settore turistico-ricettivo.

È sempre consigliabile prendere contatto diretto con l’Ente finanziatore, ti aiuterà a comprendere se il tuo progetto possiede le giuste caratteristiche per essere finanziato. Per informazioni sul bando è possibile scrivere a ristori@ven.camcom.it.

Condividi
Scopri le funzionalità avanzate
  • Schede bando complete
  • Monitoraggio personalizzato
  • Salvataggio ricerche
  • Aggiornamento quotidiano
Prova gratis per 7 giorni

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.