Scadenza: 28 febbraio 2022
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Commissione Europea -Programma Interreg Alpine Space

Dotazione Complessiva
€ 25.000.000
Finanziamento Massimo
€3.000.000
Finanziamento Minimo
€1.000.000
Co-finanziamento
75%
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Difficile

Finalità

La regione alpina è altamente vulnerabile agli impatti negativi del cambiamento climatico e affronta un rischio particolarmente elevato di inondazioni, frane e cambiamenti nelle risorse idriche. Il programma Interreg Alpine Space 2021-2027 è un programma di cooperazione transnazionale dell'UE e mira ad implementare gli obiettivi delle politiche espresse nel Green Deal europeo, l'Agenda territoriale 2030 e la strategia dell'UE per la regione alpina (EUSALP).  In tal senso, il fine del programma è quello di promuovere progetti all’avanguardia nell’ottica di creare un’unica regione alpina, neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio e resistente alle sfide climatiche.

I progetti dovranno essere portati avanti da un consorzio di enti di diversi settori e regioni con il fine di perseguire i seguenti obiettivi politici:

  • Obiettivo politico 1 (OP1): un'Europa più competitiva e più intelligente, promuovendo una trasformazione economica innovativa e intelligente e la connettività regionale ICT.
  • Obiettivo politico 2 (OP2): una transizione più verde e a basse emissioni di carbonio per un'Europa resiliente, promuovendo una transizione energetica pulita ed equa, investimenti verdi e blu, l'economia circolare, la mitigazione del cambiamento climatico e l'adattamento, la prevenzione e la gestione dei rischi e la mobilità urbana sostenibile.
  • Obiettivo specifico 1 del Programma Interreg (OS1): una migliore governance della cooperazione.

Regioni coperte dal programma: Austria; Francia; Germania; Italia; Liechtenstein; Slovenia; Svizzera.

In tale contesto, il bando intende finanziare i c.d. progetti classici volti a proporre soluzioni transnazionali, innovative e pionieristiche e creare beneficio a coloro che vivono e lavorano nella regione alpina.

 

Interventi ammissibili

Il bando per progetti classici intende supportare azioni volte ad intervenire su tutte le fasi del ciclo politico, sostenendo un approccio orientato ai risultati.Le proposte progettuali potranno intervenire in una delle fasi del ciclo politico attraverso:

  • attività di sviluppo politico strategico attraverso l'elaborazione di strategie comuni o metodologie comuni;
  • attività esplorative e di pilotaggio per testare modelli o strumenti e convalidare soluzioni applicabili a diversi contesti;
  • attività di diffusione e capitalizzazione per incoraggiare l'attuazione delle politiche in tutti i settori e le regioni.

Priorità 1 (OP2) - Regione alpina resiliente dal punto di vista climatico e più green:

  • Promuovere l'adattamento al cambiamento climatico e la prevenzione del rischio di catastrofi e la resilienza, tenendo conto di un approccio ecosistemico.

Attività ammissibili (elenco non esaustivo):

  • sviluppare soluzioni e progetti pilota per rafforzare la preparazione e la capacità di adattamento della società alpina, dell'economia e della natura per far fronte agli impatti del cambiamento climatico e istituire servizi climatici per promuovere la resilienza della regione alpina;
  • sostenere lo scambio di informazioni e il trasferimento di conoscenze a livello transnazionale/regionale/locale per adattarsi a agli impatti del cambiamento climatico e per sensibilizzare esperti, politici e cittadini.
  • Migliorare la protezione e la conservazione della natura, della biodiversità e delle infrastrutture verdi, comprese le aree urbane, e ridurre tutte le forme di inquinamento.

Attività ammissibili (elenco non esaustivo):

  • attuare progetti pilota che sostengano reti di infrastrutture verdi e blu multifunzionali ("TENG"), soluzioni basate sulla natura (NBS) e metodologie di pianificazione innovative al fine di rafforzare la biodiversità alpina e i servizi ecosistemici, mirando a sviluppare soluzioni su misura per diverse esigenze territoriali (urbane, rurali, periurbane e loro interconnessioni) e tenendo conto dei loro impatti sulla società e sull'ambiente, sui sistemi sociali, culturali ed economici (per esempio, questioni relative alla salute come il "One-health-approach" integrato).

Priorità 2 (OP2) - Regione alpina neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio e attenta all’utilizzo alle risorse

  • Promuovere l'efficienza energetica e ridurre le emissioni di gas serra.

Attività ammissibili (elenco non esaustivo):

  • migliorare le capacità e le competenze per i responsabili politici e le parti interessate a diversi livelli politici, così come comunità energetiche per sostenere la transizione dall'efficienza alla sufficienza e agli approcci orientati al post-carbonio per esempio nella pianificazione/edilizia/abitazione/residenziale/turismo/mobilità e trasporto/energia, prendendo in considerazione anche le fonti di energia rinnovabile.
  • Promuovere la transizione verso un'economia circolare ed efficiente delle risorse. 

Attività ammissibili (elenco non esaustivo):

  • creazione di soluzioni di economia circolare/verde/bio-economica per facilitare lo sviluppo e l'implementazione di approcci di economia circolare e verde tra i diversi attori, con particolare attenzione alle risorse e ai settori chiave alpini e ad implementare progetti e processi (pilota) innovativi.

Priorità 3 (OP1) - Innovazione e digitalizzazione a sostegno di una regione alpina verde

  • Sviluppare e potenziare le capacità di ricerca e innovazione e l'adozione di tecnologie avanzate.

Attività ammissibili (elenco non esaustivo):

  • sviluppare e testare programmi di formazione transnazionali per migliorare le competenze per la transizione verde e digitale e contribuire ad ampliare le capacità di innovazione;
  • promuovere ed esplorare l'applicazione dell'innovazione sociale degli SGI, migliorare la mobilità con tecnologie avanzate (come l'idrogeno verde), innovazioni sanitarie e mediche, turismo sostenibile con particolare considerazione degli approcci bottom-up e aperti, inclusivi, come la co-creazione e i living lab.
  • Sfruttare i vantaggi della digitalizzazione per i cittadini, le aziende, le organizzazioni di ricerca e le autorità pubbliche.

Attività ammissibili (elenco non esaustivo):

  • sviluppare e testare soluzioni che affrontino meglio la risposta agli sforzi di sviluppo sostenibile, e contribuire a soluzioni per la resilienza climatica, la sensibilità alle risorse, la neutralità verde e al carbonio oltre a garantire l'inclusività e l'accessibilità sociale a queste soluzioni per una transizione giusta;
  • sviluppare sistemi comuni di raccolta dati, indicatori e monitoraggio armonizzati a livello transfrontaliero, assicurare l'aggiornamento e la sostenibilità dei sistemi di raccolta dati e di monitoraggio.

Priorità 4 (OS1) – Sviluppo cooperativo della regione alpina

  • Migliorare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate per attuare le strategie macroregionali e le strategie dei bacini marittimi, così come altre strategie territoriali.

Attività ammissibili (elenco non esaustivo):

  • sviluppare e implementare soluzioni per migliorare i processi di cooperazione e organizzazione all'interno della struttura di governance EUSALP;
  • sviluppare soluzioni e progetti pilota per misure e strumenti di comunicazione a sostegno della governance multilivello governance a più livelli, raccogliendo i benefici della digitalizzazione.

Durata progetto: La durata dei progetti è compresa tra i 24 e 36 mesi.

Chi può partecipare

Possono partecipare enti pubblici o privati che abbiano sede in uno dei Paesi compresi nell’area del programma:

  • Austria -l'intero territorio;
  • Francia -Alsazia, Franche-Comte, Provenza-Alpi-Costa Azzurra, Rodano-Alpi;
  • Germania -Oberbayern, Niederbayern, Oberpfalz, Oberfranken, Mittelfranken, Unterfranken, Schwaben; Stoccarda, Karlsruhe, Friburgo, Tubinga;
  • Italia - Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Provincia Autonoma di Trento, Provincia Autonoma di Bolzano / Bozen, Valle d'Aosta / Vallée d'Aoste, Piemonte, Liguria;
  • Liechtenstein -l'intero territorio;
  • Slovenia -l'intero territorio;
  • Svizzera -l'intero territorio.

Per enti pubblici si intendonole Autorità statali, regionali o locali, associazioni formate da tali autorità; organismi di diritto pubblico e loro associazioni.

Per organismi di diritto pubblico si intendono gli enti costituiti con lo scopo specifico di soddisfare bisogni di interesse generale, non avendo un carattere industriale o commerciale. Devono avere personalità giuridica ed essere finanziati, per la maggior parte, dallo Stato, da autorità regionali o locali o da altri organismi di diritto pubblico; oppure devono essere soggetti al controllo della gestione da parte di tali organismi; o avere un consiglio di amministrazione, di direzione o di vigilanza, di cui più della metà dei membri sono nominati dallo Stato, dagli enti locali o da altri organismi di diritto pubblico.

Le proposte devono essere presentate in partenariato.

Caratteristiche del partenariato

Il consorzio dovrà essere composto da un minimo di 7 ad un massimo di 12 partner, di cui almeno quattro stabiliti nei paesi coperti dal programma.

Solo gli enti pubblici e gli organismi di diritto pubblico possono ricoprire il ruolo di capofila.

Le organizzazioni francesi, tedesche e italiane al di fuori dell'area del programma possono candidarsi come partner se almeno uno dei seguenti due prerequisiti è soddisfatto:

  • il partecipante al progetto ha una competenza che copre l'intero paese o regione partecipante (per esempio ministeri nazionali/regionali situati nelle capitali/capoluoghi regionali di Francia, Germania e Italia).
  • il contributo del partecipante al progetto è a beneficio dell'area di cooperazione.

Per I partner della Svizzera e del Liechtenstein riferirsi a quanto specificato al B.2. pag 23 del Programme manual.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva:25.000.000 Euro

Quota di cofinanziamento: 75 %

La dimensione finanziaria totale di ogni progetto dovrà essere compresa tra 1.000.000 Euro e 3.000.000 Euro

 

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Interreg Programme

Programme manual

Programme manual annexes

Bando

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Verifica con attenzione le attività ammissibili e i target a cui sono rivolte le azioni. Per ogni priorità, all’interno del programma, sono elencate le attività specifiche. Prima di presentare la tua candidatura, prenditi del tempo per analizzare ciò che il programma indica come attività ammissibile e quali sono i gruppi target di riferimento e presenta una proposta progettuale congruente ad essi. Nello Specifico:

  • Priorità 1 - pagg. 25 -.31 del programma;
  • Priorità 2 - pagg. 32 - 38 del programma;
  • Priorità 3 - pagg. 38 - 46 del programma;
  • Priorità 4 - pagg.47 - 50 del programma.

È importante sottolineare che per la Priorità 1 si prevedono anche attività di prevenzione dei rischi e di resilienza ai disastri.

Attenzione alla sostenibilità.Lo sviluppo sostenibile viene considerato attentamente nella valutazione delle proposte di progetto, il che significa che tutti i progetti devono avere un approccio neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio e un impatto positivo sullo sviluppo sostenibile (pagg.13-14 del manuale del programma).

Rispetto dei criteri di eleggibilità delle proposte.I progetti sono selezionati in base a una procedura di candidatura in due fasi: nella prima fase, i candidati presentano una versione breve del modulo di domanda tramite il sistema di monitoraggio elettronico congiunto (JEMS). Le proposte promettenti saranno successivamente invitate a presentare con un modulo di domanda dettagliato. Fate, dunque, molta attenzione ai criteri di ammissibilità stabiliti nel bando (pagg. 49-51 del programma) e accertatevi di esserne in linea dal punto di vista amministrativo, territoriale e finanziario.

È fondamentale che il progetto dimostri attinenza alle priorità politiche indicate nel bando!Prendi del tempo per analizzare le politiche richiamate (Green Deal europeo, l'Agenda territoriale 2030 e la strategia dell'UE per la regione alpina - EUSALP)e proponi un progetto che contribuisca al loro raggiungimento.

Dedicati con cura alla stesura dell’Analisi di contesto e dimostra che il tuo progetto intende sopperire ad un fabbisogno reale.A tal fine, assicurati che questa sezione sia corredata di dati e studi ufficiali.

Per presentare una proposta vincente è molto importante dimostrare la conoscenza e la sinergia con azioni già finanziate in precedenza dal Programma di finanziamento in questione.Questo non significa che gli approcci non possano essere anche nuovi e sperimentali, il programma è adatto per testare nuovi metodi in una rete transnazionale. Si consiglia comunque di consultare il database di progetti già finanziati e di inserire nella proposta progettuale quelli maggiormente complementari con il nostro progetto.

Condividi
Scopri le funzionalità avanzate
  • Schede bando complete
  • Monitoraggio personalizzato
  • Salvataggio ricerche
  • Aggiornamento quotidiano
Prova gratis per 7 giorni

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.