Contributo ai piccoli comuni per l’inserimento dei Piani di Protezione Civile aggiornati mediante PPC online

Scadenza: 15 settembre 2022
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Regione Lombardia

Dotazione Complessiva
€ 1.315.000
Finanziamento Massimo
€4.000
Finanziamento Minimo
€3.000
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Intermedio

Finalità

Il Bando intende incentivare i Comuni con popolazione fino a 2.000 abitanti compresi ad inserire il proprio Piano di Protezione Civile comunale aggiornato mediante il sistema informativo regionale “Piani di Protezione Civile on line- PPC online”.

Il bando favorisce l’associazione, anche temporanea, di due o più Comuni, considera la criticità dovuta alla presenza del rischio dighe sul proprio territorio comprovato dal relativo Documento di Protezione Civile aggiornato e approvato entro il 31 maggio 2022 dalla Prefettura-UTG di competenza, la fragilità del territorio colpito da evento calamitoso a cui è seguita una dichiarazione di stato di emergenza nazionale dal 2014, escludendo l’emergenza COVID-19 e l’emergenza Ucraina, la presenza dell’approvazione del piano di protezione civile con delibera di consiglio comunale.

Interventi ammissibili

Il contributo verrà erogato ai Comuni che inseriranno il proprio Piano di Protezione Civile aggiornato nel sistema informativo regionale “Piani di Protezione Civile on line – PPC online” (PCC online).

I Piani di Protezione Civile dovranno essere aggiornati, nelle more dell’approvazione dei redigendi indirizzi operativi regionali, secondo quanto previsto nella manualistica di PPC online, già disponibile sul sito web istituzionale regionale.

L’aggiornamento del Piano dovrà essere inserito in PPC online entro e non oltre il 15 settembre 2023.

Chi può partecipare

Possono partecipare al bando tutti i Comuni con popolazione fino a 2.000 abitanti compresi in forma singola o formando associazione, anche temporanea.

L’associazionefa riferimento a:

  • un Ente quale ad esempio Comunità Montana, Parco, a cui il singolo Comune ha delegato la pianificazione di protezione civile; in questo caso, il singolo Comune delega, con atto deliberativo, l’Ente per la partecipazione al bando;
  • un Ente che gestisce in forma associata la pianificazione di protezione civile (Unione di Comuni);
  • un Comune capofila, individuato con atto deliberativo comunale mediante il quale viene fatta delega anche per la partecipazione al bando.

All’associazione possono partecipare anche Comuni con un numero di abitanti maggiore di 2.000; in questo caso, tali Comuni non hanno diritto al contributo.

Affinché l’associazione sia definibile tale, ai fini del bando, deve includere almeno un Comune con popolazione fino a 2.000 abitanti compresi e deve essere certificata da una dichiarazione del Comune capofila, nonché dalla delega al Comune capofila dei Comuni aderenti all’associazione. I Comuni con popolazione al di sopra dei 2.000 abitanti non contribuiranno al punteggio relativo all’associazione.

Possono partecipare al bando anche i piccoli Comuni che si siano accreditati nel sistema informativo PPC online prima dell’apertura del bando stesso e che non abbiano ancora concluso l’inserimento del proprio Piano di protezione civile aggiornato.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 1.315.000 Euro

Il contributo a sostegno dei costi sostenuti dai Comuni fino a 2.000 abitanti compresi per l’inserimento dei Piani di Protezione Civile aggiornati nel sistema informativo regionale PPC online sarà:

  • di 3.000 Euro a Comune in caso di associazione, anche temporanea;
  • di 4.000 Euro per i Comuni che si presentano singolarmente.

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Verifica con attenzione quali sono i costi ammissibili, cioè tutti quei costi che possiamo imputare nel budget di progetto (Cfr. par. B.3, pag. 7 del bando).

La tipologia di procedura utilizzata per l’assegnazione delle risorse è "Valutativa a graduatoria": ogni domanda sarà valutata tramite la documentazione presentata ed inserita in Bandi on line, a seguito della quale verrà attribuito un punteggio. Si consiglia di leggere attentamente i requisiti di ammissibilità e i criteri di valutazione adottati dall’Ente per valutare le domande (Cfr. par. C.3, pagg. 9-11 del bando). La lettura preliminare dei criteri ti aiuterà a capire se il tuo progetto possiede le caratteristiche per aggiudicarsi il contributo. Nella fase di scrittura i criteri di valutazione ti guideranno per capire la lunghezza e l’importanza che sarà necessario dare ai singoli paragrafi della proposta progettuale. Dovrò dare maggiore rilevanza ai paragrafi che si riferiscono ai criteri di valutazione che hanno maggior punteggio perché sono quelli su cui si baserà la valutazione delle domande.

Assicurati di aver compreso le modalità di erogazione del contributo (Cfr. par. C.4, pagg. 11-13 del bando). Possiedi le risorse necessarie per far partire il progetto?

Per informazioni e segnalazioni relative ai contenuti del bando contatta:

  • Regione Lombardia, Direzione Generale Territorio e Protezione Civile
  • Antonella Belloni tel. 02 6765 7331;
  • Claudia Zuliani tel. 02 6765 2471;
  • ANCI Lombardia
  • Jessika Ronchi tel. 02 7262 9608;
  • Ruggero Boiocchi tel. 02 7262 9603
  • email info@edilcomune.it.
Condividi

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.