Scadenza: 6 settembre 2023
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Regione Liguria

Dotazione Complessiva
€ 21.283.191
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Intermedio

Finalità

Il bando prevede la concessione di contributi per l'intervento settoriale finalizzato alla promozione e alla comunicazione in Paesi terzi. Questi contributi finanziano attività volte a potenziare la competitività dell'industria vinicola, nonché a favorire l'espansione, la diversificazione o il consolidamento dei mercati.

Interventi ammissibili

Sono ammissibili una o più delle seguenti azioni da attuare in uno o più Paesi terzi o mercati dei Paesi terzi:

  1. azioni in materia di relazioni pubbliche, promozione e pubblicità, che mettano in rilievo gli elevati standard dei prodotti dell’Unione, in particolare in termini di qualità, sicurezza alimentare o ambiente;
  2. partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di importanza internazionale;
  3. campagne di informazione, in particolare sui regimi di qualità relativi alle denominazioni di origine, alle indicazioni geografiche e alla produzione biologica vigenti nell’Unione;
  4. studi di mercati nuovi o esistenti, necessari all’ampliamento e al consolidamento degli sbocchi di mercato;
  5. studi per valutare i risultati delle attività di informazione e promozione.

La promozione riguarda le seguenti categorie di vini confezionati:

  • vini a denominazione di origine protetta;
  • vini ad indicazione geografica protetta;
  • vini spumanti di qualità;
  • vini spumanti di qualità aromatici;
  • vini con l’indicazione della varietà.

Ulteriori informazioni circa gli elementi del progetto sono disponibili all’art. 8 del decreto.

Attenzione! Ciascun progetto può prevedere azioni in massimo 5 Paesi terzi. Nell’ambito di Paesi terzi individuati, possono essere selezionate al massimo 2 aree geografiche omogenee e nell’ambito di tali aree geografiche omogenee possono essere prescelti al massimo 3 Paesi terzi in esse ricompresi.

Ricorda! I progetti hanno durata annuale, a decorrere dal 16 ottobre di ciascun anno al 15 ottobre dell’anno successivo.

Chi può partecipare

L’aiuto può essere concesso ai seguenti soggetti proponenti:

  1. organizzazioni professionali, purché abbiano, tra i loro scopi, la promozione dei prodotti agricoli;
  2. organizzazioni di produttori di vino;
  3. associazioni di organizzazioni di produttori di vino;
  4. organizzazioni interprofessionali;
  5. consorzi di tutela e le loro associazioni e federazioni;
  6. produttori di vino;
  7. soggetti pubblici con comprovata esperienza nel settore del vino e della promozione dei prodotti agricoli);
  8. associazioni temporanee di impresa e di scopo, costituende o costituite dai soggetti di cui alle lettere a), b), c), d), e), f), g), i) che assicurino l’attuazione di un programma unitario;
  9. consorzi, le associazioni, le federazioni e le società cooperative, a condizione che tutti i partecipanti al progetto di promozione rientrino tra i soggetti proponenti di cui alle lettere a), e), f), g);
  10. reti di impresa, composte da soggetti di cui alla lettera f).

Per maggiori informazioni si veda l’art. 3 del decreto.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 21.283.191,45 Euro

Il valore progettuale non può essere inferiore a 100.000 Euro e, qualora sia destinato a più di un Paese terzo, con un importo minimo di progetto non inferiore a 50.000 Euro per Paese o non inferiore a 25.000 Euro nel caso di Paese emergente.

Quota di cofinanziamento: 50%

Ulteriori informazioni circa l’intensità di aiuto e contributo richiedibile sono presenti all’art. 13 del decreto.

Link e Documenti

Consigli degli esperti

Le spese ammissibili sono tutti quei costi che possiamo imputare nel budget di progetto. Si consiglia pertanto di verificarle con attenzione (Cfr. Allegato 10 del decreto).

È molto importante leggere con attenzione i criteri di valutazione adottati dall’Ente per valutare le domande di contributo. La lettura preliminare dei criteri, infatti, ti consentirà di comprendere se la tua richiesta possiede le caratteristiche per aggiudicarsi il contributo e quali aspetti tenere maggiormente in considerazione ai fini della selezione (Cfr. Allegato 11 del decreto).

Eventuali richieste di chiarimenti e/o di informazioni, pervengono al seguente indirizzo di posta elettronica saq5@pec.politicheagricole.gov.it e possono essere presentate fino alle ore 17.00 del ventesimo giorno precedente la scadenza del bando.

Condividi

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.