Scadenza
10 maggio 2021
Archiviato

PROGRAMMA/ENTE DI FINANZIAMENTO

Fondazione Banco di Napoli

Co-finanziamento
60%
Vai al bando
Bando scaduto

Finalità

Tutte le proposte progettuali dovranno perseguire gli obiettivi generali della sperimentazione di nuovi modelli di produzione di servizi culturali e di servizi alle persone e alle famiglie (es: welfare sharing, filiere orizzontali di servizi), della promozione dell’economia circolare (es: contrasto allo spreco alimentare e farmaceutico), dell'integrazione di innovazioni tecnologiche per la qualità e l’efficacia delle risposte ai bisogni sociali ed educativi delle persone e delle famiglie, della promozione di forme di mutuo-aiuto e coproduzione di beni e servizi in comunità generative.

PRIORITA'

  • contrasto alla povertà educativa dei bambini e dei ragazzi
  • contrasto alla fragilità economica estrema di nuclei familiari a rischio di marginalità
  • ripartenza di attività culturali e valorizzazione del patrimonio storico-artistico per l’identità delle comunità e per l’attrattività dei luoghi
  • sostegno a progetti di ricerca scientifica e di rafforzamento delle reti di prevenzione e di assistenza sanitaria, anche con l’apporto mirato di iniziative private alla Sanità pubblica

 

OBIETTIVI SPECIFICI PER SETTORE

Educazione, istruzione e formazione

  • Contrasto al diffuso fenomeno di dispersione scolastica e della povertà educativa, supportando iniziative che abbiano l’obiettivo, con moderne metodologie di apprendimento, di arricchire l’offerta didattica ed extrascolastica, e potenziare l’inclusione sociale e l’integrazione culturale
  • Favorire il migliore collegamento tra il corso di studi scolastico e l’inserimento nel mondo del lavoro, dando assoluta precedenza ai ragazzi con situazioni di maggiore disagio sociale
  • Azioni di supporto alla didattica a distanza per studenti che vivono condizioni di disagio, considerato che tale modalità, a causa del persistere della pandemia, continuerà

Assistenza, beneficenza ed attività di volontariato

  • Promuovere e supportare interventi degli enti del Terzo Settore per favorire l’inclusione sociale e contrastare le povertà anche a supporto di reti di servizi, di interventi sperimentali, di partenariato per il perseguimento di una maggiore qualità della vita
  • Sostenere e supportare l’inserimento nel mondo adulto e lavorativo dei ragazzi neomaggiorenni (care-leavers) che, terminato il periodo di ospitalità, accudimento e cura presso le strutture residenziali di accoglienza per minori, in ragione del raggiungimento della maggiore età, si trovano privi di qualsivoglia aiuto e sostentamento sia materiale che psicologico per il cammino dell’autonomia

Ricerca scientifica e tecnologica

  • Promuovere la ricerca, anche interdisciplinare, sugli effetti della pandemia sotto il profilo economico-giuridico e sociale, ma anche di salute fisica e psichica della popolazione, e su progettualità tese alla soluzione delle problematiche connesse

Sanità e Assistenza alle categorie Sociali deboli

  • Prevenire e contrastare le nuove dipendenze tra adolescenti e giovani, con specifico riferimento alla ludopatia e alle dipendenze dall’utilizzo delle nuove tecnologie, con specifica attenzione per le situazioni di disagio psicologico che ne derivano, per le condizioni di maltrattamento e di violenza che ne possono discendere (bullismo e cyberbullismo), nonché per la promozione di corretti stili di vita e la prevenzione di patologie correlate all’abuso di sostanze o di tecnologie digitali

 

Sarà data priorità ai progetti concepiti per offrire risposte specifiche ai bisogni del contesto territoriale in cui sono sviluppati, per sperimentare modelli di intervento da rendere permanenti nelle attività delle organizzazioni culturali e sociali coinvolte, sulla base degli esiti di una sperimentazione, o che abbiano un potenziale sviluppo imprenditoriale con nuove aree di social business in ambito culturale e sociale.

Saranno, inoltre, considerati prioritari i progetti che favoriscono le connessioni tra territori diversi, sia all’interno della stessa Regione, sia tra diverse Regioni di pertinenza per la Fondazione.

Interventi ammissibili

Le attività proposte dovranno essere realizzate e dovranno esplicitare i propri effetti diretti e indiretti nei territori delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia.

 

SPESE AMMISSIBILI

a) rimborso spese dei volontari impiegati nel progetto

b) assicurazione per i volontari impiegati nel progetto e la responsabilità civile verso terzi

c) remunerazione delle prestazioni lavorative strettamente connesse alle attività di progetto

d) beni strumentali strettamente necessari per l’attuazione del progetto, solo in caso di acquisto, e previa comparazione di almeno tre preventivi di spesa per assicurare l’economicità degli acquisiti previsti

e) acquisizione di servizi specifici strettamente funzionali alla realizzazione delle attività progettuali

f) spese per servizi di comunicazione e per la diffusione dei risultati finali

g) con specifico riferimento ai progetti per “Sostenere e supportare l’inserimento nel mondo adulto e lavorativo dei ragazzi neo-maggiorenni (care-leavers)” sono ammissibili anche i rimborsi delle spese documentate per affitto, borse-lavoro o indennità di frequenza per attività formative, altre indennità di sostegno al reddito per l’autonomia

Le proposte progettuali devono essere corredate da dettagliato budget di progetto, con il piano previsionale dei costi e delle entrate programmate. Il contributo richiesto non può superare il 60% del budget complessivo di progetto. È pertanto richiesta una quota di cofinanziamento minima del 40%, quali fondi propri del Soggetto proponente, che potranno trovare copertura anche a valere su altri contributi di amministrazioni pubbliche o di privati. Il cofinanziamento nella misura minima del 40% è garantito, di norma, in forma monetaria. Potranno essere dichiarati anche cofinanziamenti non monetari, esclusivamente con riferimento ai costi di personale non strutturato o di servizi generali già acquisiti dall’esterno dal Soggetto proponente e per la sola quota parte effettivamente impiegata nelle attività progettuali oggetto del contributo.

ATTENZIONE: Non possono in ogni caso essere posti a cofinanziamento del budget di progetto i costi generali di funzionamento del Soggetto proponente (es: utenze, canoni di locazione, spese per la manutenzione ordinaria e straordinaria della sede operativa dell’organizzazione, segreteria e coordinamento, personale dipendente impiegato nelle attività ordinarie e continuative).

 

INTERVENTI NON AMMISSIBILI

  • Progetti che siano rivolti esclusivamente alla realizzazione di spettacoli, eventi, presentazioni di libri, cicli di conferenze e convegni, i quali potranno beneficiare di altra modalità di intervento della Fondazione
  • Progetti che incidano esclusivamente sull’assetto organizzativo e il modello interno di produzione di attività consolidate della organizzazione proponente, senza generare impatto nelle comunità di riferimento
  • Progetti rivolti esclusivamente alla acquisizione di risorse strumentali e tecnologiche per le attività ordinarie della stessa organizzazione
  • Progetti in cui non si rilevi una adeguata ponderazione tra effetti sociali e finalità commerciali e di sostenibilità economica (attività a prevalenza commerciale)

Chi può partecipare

  • Organizzazioni aventi tutti i requisiti richiesti per il riconoscimento di Ente del Terzo settore
  • Organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, associazioni culturali e altre associazioni di diritto privato senza finalità di lucro e che si impegnino ad adeguare il proprio statuto alle norme di cui al CTS entro la data di sottoscrizione dell’atto di concessione
  • Cooperative sociali, start-up a vocazione sociale e altre imprese sociali
  • Enti religiosi e altre Fondazioni non bancarie, che non abbiano scopo di lucro
  • Enti pubblici, per lo sviluppo di iniziative innovative e sperimentali, aggiuntive e non sostitutive dei servizi pubblici di rispettiva competenza e delle altre attività istituzionali

 

I Soggetti destinatari devono:

a) perseguire scopi di utilità sociale o di promozione dello sviluppo delle comunità locali

b) operare stabilmente nei settori di intervento della Fondazione ed in particolare in quelli ai quali è rivolta l’erogazione

c) non avere finalità di lucro

d) essere organizzati e formalmente costituiti, per atto pubblico registrato o per scrittura privata autenticata, e comprovare le loro esperienze, competenze, professionalità, reputazione, capacità di partnership, con dettagliato curriculum, dando prova di essere in grado di perseguire con efficacia ed efficienza gli obiettivi delle iniziative proposte

e) avere sede operativa nel territorio delle Regioni in cui opera per Statuto la Fondazione

 

Nel caso di richieste di contributo provenienti dagli Enti designanti, è necessario che dette richieste riguardino progetti per attività aggiuntive, innovative e sperimentali rispetto al programma ordinario delle attività dell’Ente richiedente.

In caso di attivazione di un partenariato di progetto, tutti i Soggetti componenti il partenariato, e non solo il Soggetto capofila, devono possedere i requisiti soggettivi richiesti dal presente Avviso.

Ciascun Soggetto, inoltre, può presentare una sola candidatura, qualunque sia il ruolo ricoperto, cioè capofila o soggetto partner

 

SOGGETTI NON AMMISSIBILI

  • Soggetti con finalità di lucro. Sono escluse anche le proposte progettuali i cui effetti diretti o indiretti siano riconducibili a Soggetti con finalità di lucro
  • Persone fisiche
  • Partiti e movimenti politici, organizzazioni sindacali o di patronato e di categoria
  • Ordini professionali

 

COME PARTECIPARE

Le domande di contributo dovranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica, attraverso il sistema di Richiesta On Line (ROL).

Ai fini dell’ammissibilità, oltre a una corretta e completa compilazione del format di richiesta “Avviso n. 1/2021 FBN”, dovranno essere allegati a quest’ultimo, a pena di esclusione i seguenti documenti:

  • Relazione illustrativa delle attività di progetto, che evidenzi le azioni, gli obiettivi e le tempistiche, i risultati attesi e la descrizione del team di progetto (Allegato II)
  • Piano previsionale dei costi e delle entrate o budget complessivo di progetto (Allegato III)
  • Cronoprogramma (Allegato IV)
  • Atto costitutivo e Statuto vigente, per il Soggetto proponente o, in caso di partenariato, per tutti i soggetti componenti il partenariato - documento di identità del Legale rappresentante del Soggetto proponente o, in caso di partenariato, di tutti i soggetti componenti il partenariato

Le richieste dovranno pervenire entro e non oltre le ore 18:00 del 10 maggio 2021, termine entro il quale la pratica ROL deve essere chiusa e inoltrata on-line (completa di allegati).

Entità del contributo

Non specificata nel testo bando. Si consiglia di prendere contatto diretto con la Fondazione per avere chiarimenti sull’entità del contributo. Gli uffici possono essere contattati direttamente via mail all’indirizzo contributi@fondazionebanconapoli.it o telefonicamente al numero 081 44 94 00 (int. 210, referente tecnica dr.ssa Marianna Izzo).

Il contributo assegnato non potrà superare il 60% del budget complessivo di progetto, nel rispetto delle seguenti macrovoci di spesa:

A. Coordinamento Progetto (max 10%)

B. Risorse umane (Associati e Volontari) (max 20%)

C. Risorse umane (Dipendenti e collaboratori) (max 40%)

D. Beni strumentali e forniture di servizi (min. 20%)

E. Spese per la comunicazione (max. 10%)

Link e Documenti

Bando

Pagina web per formulari e documenti

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

La valutazione dei progetti si basa sui seguenti criteri:

a) in relazione all’idea proposta:

  • coerenza con le priorità di intervento e con gli obiettivi specifici
  • strategia di intervento e sua efficacia
  • contenuto di innovazione(il progetto deve introdurre attività nuove sia per i Soggetti proponenti sia per il territorio in cui verranno implementate)
  • impatto sociale/culturale/economico sul territorio (numero di soggetti target coinvolti e cambiamento in positivo raggiunto, che deve essere misurabile attraverso indicatori di risultato oggettivi)

b) in relazione alle caratteristiche del richiedente:

  • competenze, professionalità, credibilità e capacità di partnership (l'organizzazione deve dimostrare esperienza pregressa nel settore del progetto e deve dimostrare la sua capacità di fare rete e di coinvolgere altri attori del territorio al fine di rendere il progetto sostenibile anche nel lungo termine)
  • trasparenza e affidabilità (procedure interne all'organizzazione che supportino la condotta etica della stessa, collaborazioni con enti del territorio autorevoli)
  • apporto di risorse proprie (capacità di cofinanziamento)

c) con riferimento alla qualità progettuale:

  • conoscenza del settore di riferimento dell’idea e del contesto territoriale
  • coerenza interna tra obiettivi, strategia, risorse e tempi
  • efficiente ed efficace utilizzo delle risorse
  • monitoraggio, valutazione e comunicazione
  • continuità, sostenibilità e replicabilità delle azioni
  • il livello di visibilità assicurato alla Fondazione in tutte le fasi dell’iniziativa

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.

Co-finanziamento
60%
Vai al bando
Bando scaduto