Scadenza
24 agosto 2021
Archiviato

PROGRAMMA/ENTE DI FINANZIAMENTO

Commissione Europea – Programma Europa Creativa (CREA)

Dotazione Complessiva
€ 7.500.000
Co-finanziamento
60%
Vai al bando
Bando scaduto

Finalità

Il Programma Europa Creativa incentiva azioni a sostegno dei settori culturali e creativi europei.
Gli obiettivi generali del Programma sono:

  • salvaguardare, sviluppare e promuovere la diversità e il patrimonio culturale e linguistico europeo;
  • aumentare la competitività e il potenziale economico dei settori culturali e creativi, in particolare del settore audiovisivo.

L’obiettivo specifico della linea di finanziamento MEDIA è quello di promuovere la competitività, la scalabilità, la cooperazione, l'innovazione e la sostenibilità, anche attraverso la mobilità, del settore audiovisivo europeo. Nell’ambito di questo obiettivo specifico, la line MEDIA affronta la seguente priorità: coltivare talenti, competenze e abilità e stimolare la cooperazione transfrontaliera, la mobilità e l'innovazione nella creazione e produzione di opere audiovisive europee, incoraggiando la collaborazione tra Stati membri con diverse capacità audiovisive. In questo contesto, il bando offre un sostegno finanziario alle organizzazioni europee che svolgono azioni destinate a facilitare la promozione e la circolazione delle opere audiovisive e cinematografiche europee nell'ambito delle principali manifestazioni professionali europee. Gli obiettivi del bando sono:

  • incoraggiare gli scambi commerciali tra professionisti europei del settore audiovisivo facilitare l’accesso ai mercati fisici e digitali;
  • promuovere lo sviluppo e la diffusione di nuove tecnologie e modelli di business funzionali alla promozione e alla vendita dei prodotti audiovisivi europei;
  • valorizzare approcci sostenibili da un punto di vista ambientale.

Interventi ammissibili

I progetti finanziati dal bando dovranno essere finalizzati a:

  • favorire la realizzazione di co-produzioni europee e internazionali di cortometraggi, lungometraggi, videogiochi, serie televisive e cross media;
  • facilitare l’accesso per gli operatori del settore a manifestazioni commerciali e a mercati, sia fisici che online.

Le proposte progettuali dovranno prevedere la realizzazione di almeno una delle seguenti azioni:

  • Azione 1 – realizzazione di manifestazioni commerciali, fisiche, digitali o ibride per i professionisti europei del settore audiovisivo. Le manifestazioni possono essere svolte anche al di fuori dei Paesi partecipanti al sotto-programma MEDIA. Le iniziative possono avere un focus sulle nuove tecnologie e modelli di business funzionali alla promozione e alla vendita dei prodotti audiovisivi europei.
  • Azione 2 – realizzazione di attività B2B che promuovano le opere europee. Più in particolare
    • iniziative organizzate da reti paneuropee o da organizzazioni rappresentanti almeno 15 Paesi partecipanti al sottoprogramma MEDIA finalizzate ad agevolare la distribuzione e la circolazione di opere audiovisive e/o cinematografiche e la creazione di reti tra gli operatori europei del settore;
    • creazione e lancio di progetti e piattaforme promozionali B2B, finalizzate a creare o a diffondere modelli di business innovativi per la distribuzione delle opere audiovisive europee.

Le attività dovrebbero favorire lo scambio fra professionisti del settore audiovisivo di informazioni e buone pratiche in grado di potenziare la circolazione delle opere europee in Europa e nel mondo su tutte le piattaforme e in tutti i formati. Per questa azione è possibile prevedere l’erogazione a terzi di parte dei finanziamenti che si richiedono, purché si rispettino le condizioni riportate nel bando (p.12).

Le attività progettuali devono avere inizio dopo la firma del contratto di sovvenzione. La retroattività può essere concessa motivi debitamente giustificati, sempre che non sia antecedente 01/01/2021. Le attività progettuali possono svolgersi nei Paesi partecipanti al Sottoprogramma MEDIA nonché al di fuori di essi.

I progetti possono avere una durata massima di 12 mesi.

Chi può partecipare

Le proposte progettuali devono essere presentate singolarmente dagli enti responsabili delle iniziative proposte. Il bando non prevede la costituzione di partenariati di progetto.

Per essere ammissibili ai fini del bando, i soggetti proponenti devono:

  • essere persone giuridiche (sia enti pubblici che privati);
  • essere stabiliti in uno dei Paesi partecipanti a Europa creativa ovvero:
    • Stati membri dell'UE (compresi paesi e territori d'oltremare (PTOM);
    • Paesi extra UE: paesi del SEE elencati e paesi associati al programma Europa creativa (paesi associati) o paesi che sono in corso negoziati per un accordo di associazione e in cui l'accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione
  • essere stabiliti in uno dei Paesi partecipanti alla sezione MEDIA del Programma Europa Creativa e essere di proprietà, in percentuale maggioritaria, di cittadini di uno di tali Paesi; per le società quotate in borsa si terrà conto dell'ubicazione della borsa per determinarne la nazionalità.

Le Organizzazioni internazionali sono altresì ammissibili.

Gli enti privi di personalità giuridica posso partecipare a condizione che il rappresentante legale abbia la capacità di prendere in capo al loro posto le obbligazioni legali e di offrire le garanzie per la protezione degli interessi finanziari dell’UE al pari delle persone giuridiche.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 7.500.000 Euro 

Il bando prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto a copertura del 60% dei costi sostenuti per la realizzazione dei progetti ammessi a contributo. Soltanto determinate categorie di costi sono ritenute ammissibili (si veda il bando a p. 18).

Il bando non prevede limiti da rispettare circa l’importo complessivo del budget né del contributo da richiedere.

Il 70% del contributo accordato nel contratto di sovvenzione viene concesso anticipatamente dopo la firma dello stesso contratto. Il restante 30% verrà erogato a saldo una volta terminato il progetto e effettuata la dovuta rendicontazione delle spese.

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Il bando tende a finanziare iniziative già esistenti e consolidate ma non esclude il finanziamento di nuovi progetti.

Tenere a mente che verranno selezionati progetti che possono dare un contributo reale a

  • potenziare la dimensione europea/internazionale dei mercati esistenti e accrescere l’impatto sistemico delle iniziative minori;
  • promuovere lo sviluppo di reti a livello europeo tra professionisti del settore;
  • rendere maggiormente competitivi i prodotti audiovisivi, intensificarne la circolazione nei mercati internazionali e accrescerne la varietà;
  • assicurare che l’industria audiovisiva europea sfrutti a pieno i vantaggi della digitalizzazione.

Le iniziative dovranno essere rivolte principalmente ai professionisti del settore audiovisivo e dovranno avere un impatto dimostrabile sulla visibilità e sulla circolazione di prodotti audiovisivi europei quali lungometraggi, cortometraggi, videogiochi, serie televisive e cross media.

Saranno considerati positivamente i progetti che prevedono l’adozione di strategie mirate a garantire il rispetto dell’ambiente, la parità di genere e l’inclusione di categorie sociali diversificate.

Si consiglia di prestare attenzione ai criteri di valutazione applicati nel processo istruttorio delle proposte progettuali per esser sicuri di ottenere un punteggio alto per ciascun criterio (si veda pagina 15 del bando). Si evidenzia che il criterio con un peso maggiore, in termini di punteggio conseguibile, è la “rilevanza” intesa come: chiarezza e coerenza della proposta rispetto agli obiettivi del bando; adeguatezza rispetto ai bisogni dell’industria audiovisiva; valore aggiunto apportato in termini di circolazione delle opere europee; adeguatezza delle strategie adottate per assicurare che le attività siano rispettose dell’ambiente e adeguatezza delle strategie adottate per assicurare la parità di genere e l’inclusione di una platea diversificata di attori (le strategie possono riferirsi anche alle attività di gestione del progetto).

Si fa presente che il processo di valutazione delle proposte progettuali dovrebbe concludersi a novembre 2021, e la firma degli accordi di sovvenzione dovrebbe tenersi a dicembre 2021, per cui i progetti non potranno iniziare prima di quella data.

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.

Dotazione Complessiva
€ 7.500.000
Co-finanziamento
60%
Vai al bando
Bando scaduto
Condividi
Registrati e consulta tutti i bandi aperti