Progetti di solidarietà sociale, finalizzati a sostenere iniziative per il miglioramento della qualità di vita nella comunità lecchese

Ambiente, Cambiamenti climatici
Cultura, Creatività, Turismo, Cittadinanza
Lavoro, Inclusione sociale, Terzo Settore
Enti no-profit
Fondazioni
Lombardia
Scadenza
15 ottobre 2020
Archiviato

PROGRAMMA/ENTE DI FINANZIAMENTO

Fondazione Comunitaria del Lecchese Onlus 

Dotazione Complessiva
€ 300.000
Co-finanziamento
50%
Vai al bando

Finalità

L’obbiettivo del bando è co-finanziare la realizzazione di progetti di solidarietà sociale nel territorio della provincia di Lecco nei quattro settori individuati:

A) Assistenza Sociale

B) Tutela e valorizzazione delle cose di interesse artistico e storico

C) Tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente

D) Promozione della cultura e dell’arte

Interventi ammissibili

A) Assistenza Sociale

In questo ambito, si intendono favorire le iniziative che perseguano, meglio se coinvolgendo e aggregando una pluralità di soggetti, lo sviluppo di un welfare territoriale, che sia complementare, anticipatore ed innovativo rispetto all’iniziativa degli Enti pubblici, contribuendo allo sviluppo dei servizi e alla risoluzione o, quanto meno, al contenimento dei problemi sociali, particolarmente riferiti alle persone fragili o comunque in difficoltà.

Priorità

Soggetti:

  • le Organizzazioni di volontariato, specie se operanti con una base sociale estesa e verificata; le cooperative sociali di tipo B (per i soli investimenti produttivi, specie per necessarie diversificazioni produttive).
  • I gruppi di auto mutuo aiuto (limitatamente al miglioramento delle strutture operative)

Progetti riguardanti:

  • le patologie croniche e il disagio psichico, specie se con assistenza domiciliare;
  • l’assistenza a soggetti deboli o svantaggiati o progetti che siano chiaramente ed esplicitamente indirizzati a favorire l’inclusione e la coesione sociale. In questo ambito è contemplato l’acquisto di beni di necessità quotidiana da distribuire agli indigenti, accompagnato da proposte partecipative alla vita comunitaria. Queste ultime iniziative sono ammesse anche in capo alle Parrocchie e agli Enti Caritas e simili.

Sono finanziabili altresì iniziative assistenziali nelle scuole, concordate con le Direzioni, promosse e gestite da Enti esterni (Associazioni, cooperative sociali, ecc.). Tali iniziative devono favorire l’inclusione scolastica, facilitare l’apprendimento, promuovere il miglioramento comportamentale di soggetti fragili o in condizione di disagio familiare. Gli interventi nelle scuole dovranno essere, nel limite del possibile, aperti ed inclusivi nei confronti di ragazzi non frequentanti la struttura, in una prospettiva di relazione attiva con la comunità.

B) Tutela e valorizzazione delle cose di interesse artistico e storico

Priorità

Soggetti:

Enti Non profit e Parrocchie pertinenti a piccole comunità.

Progetti riguardanti:

  • Restauro di beni mobili e manufatti di valore artistico, relativi a: o dipinti, statue, frammenti di affresco; arredi e suppellettili solo se di epoca “alta”; o beni collocati in chiese sussidiarie, che, sulla base di un esplicito impegno, potranno essere rese maggiormente fruibili ai visitatori dopo i restauri.
  • Interventi di piccola entità su beni architettonici.

 C) Tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente

Progetti – caratteristiche

  • intervento fisico su aree di utilizzo e/o interesse collettivo (es. sistemazioni, concordate con l’Ente proprietario, di: alvei di fiumi o torrenti, aree degradate, aree pubbliche da adibire a parchi o giardini pubblici).

Esclusioni

  • Progetti di sola educazione ambientale;
  • progetti che prevedono solo opere di arredo urbano.

N.B. Per i territori i cui comuni sono soci di Lario Reti Holding è attivo il Bando per lo “Sviluppo del territorio provinciale Lecchese – Interventi in ambito Storico -Artistico e Naturalistico”. Nel presente Bando sono quindi ammissibili i progetti che si realizzano nei territori dei comuni non soci di Lario Reti Holding e precisamente: BARZIO, CALOLZIOCORTE, CARENNO, CASARGO, CRANDOLA V., MARGNO, MOGGIO, MONTE MARENZO, MORTERONE, OLIVETO LARIO, PAGNONA, PARLASCO, PREMANA, SUEGLIO, VALVARRONE.

 D) Promozione della cultura e dell’arte

Sono escluse le progettualità che negli ultimi tre anni in via consecutiva abbiano beneficiato del contributo della Fondazione.

Progetti – che riguardano:

  1. a) attività promosse da giovani, specie se per la custodia, fruizione, valorizzazione di beni comuni di tipo architettonico o ambientale;
  2. b) attività con implicazioni positive verso soggetti svantaggiati, non configurabili come attività socio-assistenziale; o riguardanti la valorizzazione dei beni storico-artistici;
  3. c) iniziative nei settori della letteratura e della poesia o della ricerca storica e artistica;
  4. d) iniziative con ampia articolazione sul territorio provinciale; e) iniziative che coinvolgano specialmente i giovani, gestite su base volontaria dall’Organizzazione richiedente.

Esclusioni

  1. manifestazioni a pagamento;
  2. iniziative inerenti attività scolastiche curricolari.

I singoli progetti devono comportare un costo minimo e massimo come indicato nel dettaglio dei singoli settori, ed essere realizzati entro il 30 giugno 2022.

Chi può partecipare

Saranno presi in considerazione i progetti presentati dalla tipologia di Enti di Terzo Settore indicata per ciascun comparto, purché operanti nel territorio Lecchese, con struttura locale autonoma, esclusi in tutti i casi gli Enti Pubblici territoriali.

A) Assistenza Sociale

Soggetti ammessi: Organizzazioni non profit

B) Tutela e valorizzazione delle cose di interesse artistico e storico

Soggetti ammessi: Enti ecclesiastici ed Enti Non Profit

C) Tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente

Soggetti (titolari del progetto): Organizzazioni non profit

D) Promozione della cultura e dell’arte

Soggetti ammessi: Enti Non profit (in particolare: Organizzazioni di volontariato culturale con ampia base associativa e di praticantato)

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 300.000 Euro

Quota di co-finanziamento50% del costo ammesso

A) Assistenza Sociale

Costo del progetto: min. 5.000 max 30.000 Euro

B) Tutela e valorizzazione delle cose di interesse artistico e storico

Costo del progetto: min. 5.000 max 30.000 Euro

C) Tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente

Costo del progetto: min. 5.000 max 30.000 Euro

D) Promozione della cultura e dell’arte

Costo del progetto: min. 5.000 max 10.000 Euro

Link e Documenti

Pagina web per documenti e formulari

Bando

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Il contributo è vincolato alla raccolta di donazioni: la Fondazione coprirà solo il 50% del costo del progetto. La restante parte dovrà prevenire attraverso donazioni di terzi. Solo una volta raggiunto o superato l’obiettivo della raccolta, la Fondazione erogherà a titolo di acconto la cifra pervenuta, mentre il contributo deliberato verrà erogato alla conclusione del progetto una volta presentata tutta la documentazione contabile ed operativa.

Alla luce di quanto sopra, si ricorda che al momento di sottoporre la domanda di finanziamento, i richiedenti devono esplicitare in maniera chiara e credibile come intendono promuovere e realizzare la raccolta fondi. Se la strategia non risulta credibile e appropriata i progetti non saranno finanziati. Si consiglia dunque di prestare particolare attenzione a questo aspetto nel progettare gli interventi.

Dotazione Complessiva
€ 300.000
Co-finanziamento
50%
Vai al bando
Hai bisogno di supporto?
Affidati ai nostri esperti per una consulenza personalizzata