Sostegno a investimenti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici

Scadenza: 1 agosto 2022
Archiviato

Programma/Ente di finanziamento

Regione Toscana

Dotazione Complessiva
€ 2.733.312
Finanziamento Massimo
€200.000
Finanziamento Minimo
€5.000
Co-finanziamento
100%
Vai al bando
Bando scaduto
Livello difficoltà bando
Intermedio

Finalità

Il bando è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale a copertura dei costi sostenuti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo agricolo e zootecnico distrutti o danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici (comprese fitopatie ed infestazioni parassitarie) al fine di favorire la ripresa e la stabilità reddituale e occupazionale del settore agricolo.

Interventi ammissibili

Gli investimenti ammissibili sono quelle indicate nel paragrafo “Descrizione della sotto misura” della scheda della sottomisura 5.2 del PSR approvato.

Il bando sostiene investimenti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastroficianche conseguente all’evento climatico delle grandinate che si è verificato nel mese di settembre 2021.

I costi ammissibili, insieme alle spese generali e agli investimenti immateriali, elencati nella scheda della sottomisura 5.2 del PSR, fanno riferimento a:

  • Ripristino/ricostruzione delle strutture aziendali danneggiate o distrutte;
  • Acquisto di impianti, macchinari, attrezzature in sostituzione di quelli danneggiati o distrutti, o ripristino degli stessi;
  • Ripristino di miglioramenti fondiari danneggiati, quali impianti frutticoli, olivicoli, di arboricoltura da legno (anche se distrutti o da distruggere nel caso di misure adottate per eradicare o circoscrivere una fitopatia o una infestazione parassitaria.), impianti irrigui fissi, sistemazioni idraulico-agrarie dei terreni agricoli;
  • Ripristino del potenziale produttivo quale scorte vive e morte, danneggiate o distrutte.

Gli investimenti, per poter essere ammessi al sostegno e beneficiare del pagamento degli aiuti, devono ricadere all’interno dei seguenti territori: provincia di Firenze: Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Calenzano, Cerreto Guidi, Dicomano, Figline e Incisa Valdarno, Firenzuola, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Reggello, San Godenzo, Scarperia e San Piero, Vaglia, Vicchio, Vinci.

I progetti dovranno concludersi entro il termine per la presentazione della domanda di pagamento indicato nell’atto per l’assegnazione dei contributi.

Chi può partecipare

Possono partecipare al bando le imprese agricole, ivi comprese le cooperative che svolgono l’attività di produzione agricola, iscritte nel registro delle imprese.

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 2.733.312,76 Euro

Contributo minimo: 5.000 Euro

Contributo massimo per progetto: 200.000 Euro

Quota di cofinanziamento: 100%

Attenzione! Gli aiuti concessi sono ridotti del 50% qualora i beneficiari non avessero stipulato una polizza assicurativa contro i rischi climatici statisticamente più frequenti per cui è prevista una copertura assicurativa ricompresa nel Piano Assicurativo Agricolo Nazionale (D.M. 15757 del 24/07/2015 art. 2 comma 7), a copertura di almeno il 50% della loro produzione media annua o del reddito ricavato dalla produzione stessa. 

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Per l’individuazione delle tipologie di territori, si consiglia di consultare la pagina seguente: http://www.regione.toscana.it/-/tipologie-di-territori-a-cui-sono-soggetti-alcuni-interventi-del-programma-di-sviluppo-rurale-2014-20.

Verifica con attenzione quali sono i costi ammissibili, cioè tutti quei costi che possiamo imputare nel budget di progetto (Cfr. par. 3.5, pagg. 10-11 del bando).

Prima di procedere, assicurati di essere in possesso di tutta la documentazione da allegare alla domanda d’aiuto (Cfr. par. 4.3, pagg. 12-13 del bando). In questo modo diminuirai le possibilità di incorrere in spiacevoli imprevisti.

Ricorda! L’anticipo può essere richiesto in una unica soluzione fino al raggiungimento della percentuale massima del 50% del contributo ammesso a finanziamento. Esso verrà erogato solo successivamente all’inizio delle attività oggetto di contributo, a seguito della presentazione dei documenti indicati nell’avviso (Cfr. par. 7.3, pag. 16 del bando).

Per eventuali dubbi è possibile compilare e inviare un quesito tramite il servizio “Scrivici”.

Condividi

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.