Scadenza
30 giugno 2021
Archiviato

PROGRAMMA/ENTE DI FINANZIAMENTO

Commissione Europea - DG EMPL - Social Prerogatives and Specific Competencies Lines (SOCPL)

Dotazione Complessiva
€ 15.370.000
Co-finanziamento
90%
Vai al bando
Bando scaduto

Finalità

Il bando riguarda misure finalizzate a promuovere il dialogo sociale a livello intersettoriale e settoriale conformemente all'articolo 154 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) e lo sviluppo del dialogo sociale europeo nelle sue diverse dimensioni: scambio di informazioni, consultazione, negoziazione e azioni comuni.

Le misure dovrebbero aiutare le organizzazioni rappresentative delle parti sociali a contribuire ad affrontare le sfide globali dell'UE in materia di occupazione e politica sociale, come stabilito negli ultimi orientamenti politici della Commissione e negli strumenti giuridici pertinenti.

Il bando intende inoltre rispondere alla sfida posta dalla crisi Covid, che ha avuto un impatto significativo sulla capacità delle parti sociali di perseguire il dialogo sociale.

Il bando mira dunque a contribuire alla promozione del dialogo sociale a livello intersettoriale e settoriale, sviluppando il dialogo sociale europeo e costruendo e rafforzando la capacità delle parti sociali nazionali, in particolare a seguito della crisi Covid.

Le azioni dovrebbero contribuire alle priorità e alle attività del dialogo sociale europeo. In tale contesto e in linea con le dichiarazioni della Commissione europea e delle parti sociali europee su "un nuovo inizio per il dialogo sociale", viene posto un accento particolare sui seguenti obiettivi:

  • rafforzare il coinvolgimento delle parti sociali nel semestre europeo e migliorare il loro contributo all'elaborazione delle politiche dell'UE;
  • sviluppare e rafforzare ulteriormente l'adesione alle organizzazioni delle parti sociali europee;
  • costruire e rafforzare la capacità delle parti sociali nazionali (intersettoriali e / o settoriali) di impegnarsi nel dialogo sociale nazionale e di partecipare e contribuire al dialogo sociale europeo, in particolare in quegli Stati membri in cui il dialogo sociale è sottosviluppato, ad es. attraverso seminari di informazione e formazione volti a sviluppare competenze legali o capacità organizzative / amministrative, o ad ampliare i membri e la rappresentatività.

Interventi ammissibili

Temi e priorità

Il dialogo sociale europeo si riferisce a discussioni, consultazioni, negoziati e azioni comuni che coinvolgono organizzazioni che rappresentano entrambi i lati dell'industria (datori di lavoro o lavoratori).

Attività finanziabili

Saranno particolarmente incentivate azioni che affrontino i seguenti temi:

  • le sfide occupazionali, sociali ed economiche individuate nel pilastro europeo dei diritti sociali e in altri documenti chiave della Commissione, come le comunicazioni "Il Green Deal europeo" e "Un'Europa sociale più forte per transizioni giuste";
  • attività - basate sulla cooperazione tra l'industria intersettoriale a livello dell'UE e le parti sociali nazionali per rafforzare la capacità di queste ultime, qualora pesantemente colpite dalle conseguenze della crisi COVID-19;
  • l'adattamento del dialogo sociale, in particolare la contrattazione collettiva, ai cambiamenti nell'occupazione e alle sfide legate al lavoro, come:
    • affrontare le conseguenze occupazionali, sociali ed economiche della crisi COVID-19 e il ruolo particolare delle parti sociali in questo contesto o la modernizzazione del mercato del lavoro, la creazione di posti di lavoro e l’abbinamento tra i posti di lavoro;
    • occupazione nelle PMI;
    • dialogo sociale e nuove forme di lavoro;
    • qualità del lavoro, anticipazione, preparazione e gestione del cambiamento e ristrutturazione;
    • digitalizzazione (compresa l'intelligenza artificiale);
    • sostenibilità, compresa la dimensione ambientale e internazionale; mobilità del lavoro (intra-UE), migrazione, occupazione giovanile, salute e sicurezza sul lavoro, modernizzazione dei sistemi di protezione sociale;
  • sviluppare e rafforzare la capacità delle organizzazioni delle parti sociali.

Categorie di azioni target:

a) misure per preparare il dialogo sociale europeo, quali indagini preparatorie, riunioni e conferenze;

b) misure considerate parte del dialogo sociale ai sensi degli articoli 154 e 155 TFUE, quali negoziati, riunioni preparatorie per negoziati o attività relative all'attuazione di accordi negoziati e altri risultati ottenuti nel corso dei negoziati;

c) misure per diffondere, promuovere, monitorare e valutare le attività e i risultati del dialogo sociale europeo, ad es. attraverso eventi europei o nazionali, apprendimento tra pari o revisioni, studi e pubblicazioni (cartacee o elettroniche) (compresa la traduzione);

d) misure per migliorare il coordinamento, il funzionamento e l'efficacia del dialogo sociale europeo, anche attraverso l'identificazione e lo sviluppo di approcci comuni da parte dei comitati di dialogo sociale, come lo scambio di buone pratiche e i relativi eventi di formazione congiunti;

e) misure che contribuiscono alla dimensione occupazionale e sociale ed economica della strategia Europa 2020, compreso il monitoraggio e l'analisi del suo impatto sui mercati del lavoro;

f) misure per sostenere le parti sociali europee e i comitati di dialogo sociale nel loro contributo alla valutazione dell'impatto della dimensione occupazionale e sociale delle iniziative dell'UE;

g) misure per mantenere, sviluppare e migliorare la capacità delle parti sociali nazionali, insieme alle parti sociali intersettoriali dell'UE, in particolare a seguito della crisi Covid, compreso lo scambio di buone pratiche tra una parte sociale nazionale e una parte sociale intersettoriale dell'UE;

h) misure relative all'assistenza tecnica fornita dalle parti sociali intersettoriali dell'UE per il coordinamento e il supporto delle attività delle parti sociali nazionali connesse alla crisi Covid, come quelle che richiedono un'azione di cui al punto g)

Attenzione:i progetti proposti congiuntamente dalle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che mirano ad attuare il (parti del) programma di lavoro dei comitati del dialogo sociale europeo, nonché misure per promuovere l'attuazione dei risultati del dialogo sociale europeo, rafforzarne l'impatto e la visibilità e sostenere il follow-up e il reporting sono una priorità assoluta.

È considerato prioritario anche il rafforzamento delle sinergie e degli scambi tra i comitati di dialogo sociale settoriale europeo e / o tra i comitati settoriali e il livello intersettoriale, anche attraverso progetti che sviluppano un approccio multisettoriale su temi di interesse comune.

Località geografica (paesi di destinazione)

Le proposte devono riguardare attività che si svolgono nei paesi ammissibili.

Durata: tra 12 e 24 mesi.

Chi può partecipare

Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari, entità affiliate e organizzazioni associate) devono:

  • essere persone giuridiche (enti pubblici o privati)
  • In applicazione del punto 197, paragrafo 2, lettera c), del regolamento finanziario, sono ammissibili anche le organizzazioni delle parti sociali prive di personalità giuridica, purché siano soddisfatte le condizioni del regolamento finanziario ad esse connesso;
  • essere stabilito e registrato in uno dei paesi ammissibili, ovvero:
    • Stato membro dell'UE (inclusi paesi e territori d'oltremare (PTOM)
    • Paesi non UE candidati all’ingresso:  Albania, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia e Turchia (Attenzione! Se la partecipazione avviene in forma singola, il richiedente non può risiedere nei paesi non Ue candidati all'ingresso)

Ulteriori casi specifici sono riportati a pag. 10 del bando.

Le proposte possono essere presentate in forma singola o associata (Partenariato).

Se la partecipazione al bando avviene in forma singola, Il candidato deve essere un'organizzazione delle parti sociali europea.

Se la partecipazione avviene in forma associata, il coordinatore può essere un'organizzazione delle parti sociali a livello europeo, nazionale o regionale.

Altri beneficiari, enti affiliati e organizzazioni associate devono rientrare in una delle seguenti categorie: parti sociali, organizzazioni senza scopo di lucro, università e istituti di ricerca, autorità pubbliche, organizzazioni internazionali.

Composizione del consorzio

Le proposte presentate da un consorzio devono rispettare le seguenti condizioni:

  • Per essere ammissibili come azioni consortili devono includere un coordinatore e almeno un altro beneficiario
  • Se il coordinatore è un'organizzazione delle parti sociali che rappresenta i lavoratori, l'altro beneficiario obbligatorio deve essere un'organizzazione delle parti sociali che rappresenta i datori di lavoro.
  • Se il coordinatore non è un'organizzazione delle parti sociali a livello europeo, il consorzio deve includere almeno (1) un'organizzazione di un paese ammissibile diverso da quello del coordinatore e (2) un'organizzazione delle parti sociali a livello europeo.
  • Per essere ammissibile, almeno una delle organizzazioni menzionate nel paragrafo precedente deve partecipare come altro beneficiario, mentre l'altra o le altre possono partecipare come altri beneficiari, entità affiliate del coordinatore o dell'altro beneficiario o organizzazione associate.
  • Per le azioni relative al follow-up della crisi Covid e mirate specificamente a migliorare la capacità delle parti sociali nazionali in cooperazione con le parti sociali interindustriali dell'UE, il consorzio deve includere solo un’organizzazione delle parti sociali interindustriale a livello europeo, in qualità di coordinatore o altro beneficiario. 

Entità del contributo

Dotazione finanziaria complessiva: 15.370.000 Euro

La Commissione prevede di finanziare tra le 25 e le 40 proposte.

Budget del progetto

Il budget del progetto dovrebbe variare tra i 150.000 e i 650.000 Euro. Ciò non preclude la presentazione / selezione di proposte che richiedono altri importi.

Quota di cofinanziamento: 90%

Link e Documenti

Pagina web per formulari e documenti

Bando

SOCPL-2021-SOC-DIALOG-01 - Support for social dialogue

Si consiglia di consultare regolarmente il sito web ufficiale del bando per gli aggiornamenti e le informazioni addizionali.

Consigli degli esperti

Attenzione: i progetti che mirano principalmente a migliorare le competenze nel campo delle relazioni industriali attraverso l'analisi e la ricerca e promuovendo lo scambio di informazioni ed esperienze tra i soggetti interessati non sono finanziati da questo bando. Queste tipologie di azioni sono finanziate da un altro bando nell’ambito dello stesso programma.

Le attività previste dovrebbero prestare adeguata attenzione all'uguaglianza di genere ed evitare discriminazioni. Deve inoltre essere garantito l'accesso alle persone con disabilità.

È possibile richiedere un tasso di finanziamento del progetto più elevato (95%), qualora il progetto sia considerato come '"azione prioritaria", ovvero riguardi:

  • azioni di dialogo sociale che comportano negoziati ai sensi degli articoli 154 e 155 TFUE
  • riunioni preparatorie ai negoziati ai sensi degli articoli 154 e 155 TFUE o azioni congiunte delle parti sociali relative all'attuazione degli accordi risultanti da tali negoziati
  • azioni per mantenere, sviluppare e migliorare la capacità delle parti sociali nazionali, insieme alle parti sociali intersettoriali dell'UE, in particolare a seguito della crisi Covid, nonché misure relative all'assistenza tecnica fornita dalle parti sociali intersettoriali dell'UE per il coordinamento e il sostegno delle attività implementate delle parti sociali nazionali in relazione al Covid.

A pag. 12 sono riportati i criteri di valutazione delle proposte progettuali. È molto importante soffermarsi su questi criteri già dalle primissime fasi della progettazione.

Definizioni utilizzate nel contesto del bando:

a) "Organizzazione delle parti sociali" è un'organizzazione che rappresenta i lavoratori - spesso indicata anche come "sindacato" - o un'organizzazione che rappresenta i datori di lavoro. Si impegnano in una qualche forma di "dialogo sociale", discutendo e spesso negoziando questioni come salari, condizioni di lavoro, formazione, ecc.

b) Organizzazioni delle parti sociali a livello europeo (o "parti sociali a livello europeo"): organizzazioni consultate ai sensi dell'articolo 154 TFUE (un elenco aggiornato è disponibile qui) o altre organizzazioni delle parti sociali europee che soddisfano la definizione di organizzazioni delle parti sociali che rappresentano i lavoratori (denominate anche sindacati) o i datori di lavoro a livello regionale, nazionale o europeo e che sono impegnate nel "dialogo sociale", ovvero la discussione e la negoziazione di salari, condizioni di lavoro, formazione, ecc. e che non sono inclusi in questo elenco, ma che: (1) dimostrano di rappresentare diverse parti sociali nazionali (soddisfacendo anche la definizione di cui sopra); (2) abbiano ottenuto da queste organizzazioni il mandato ad impegnarsi nel dialogo sociale a livello europeo per loro conto; e (3) sono coinvolte nella preparazione e nel funzionamento del dialogo sociale europeo a livello settoriale.

Tutti i contenuti riportati su questo sito web sono di proprietà esclusiva della società Obiettivo Europa s.r.l. e sono protetti dal diritto d'autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È assolutamente vietato copiare, pubblicare o ridistribuire in qualsiasi forma e con qualsiasi strumento i contenuti delle schede bandi o qualsiasi altro testo presente su questo sito, se non previa espressa autorizzazione dalla Società titolare dei diritti d'autore e di proprietà intellettuale.

Dotazione Complessiva
€ 15.370.000
Co-finanziamento
90%
Vai al bando
Bando scaduto
Condividi
Registrati e consulta tutti i bandi aperti