Net4Voice: New Technologies For Voice Converting in Barrier-free Learning Environments

Programma UE di riferimento
Programma di Apprendimento permanente – Attività chiave 3 TIC (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione)

Durata
01/12/2007 – 30/11/2009

Coordinatore

Università di Bologna – Direzione e Sviluppo Attività Web
Via Zamboni 26 – 40126 Bologna (Italia)
Tel: ++ 39 051 20 99 begin_of_the_skype_highlighting 39 051 20 99 end_of_the_skype_highlighting 267
Sito web: www.unibo.it
Referente: Dr. Luca Garlaschelli
E-mail: luca.garlaschelli@unibo.it

Partners

Università di Southampton – Southampton (UK)
Università di Ulm – Ulm (Germania)
• Istituto Professionale per i servizi sociali “Iris Versari” Cesena (Italia)
Totton College – Southampton (UK)

Descrizione

Contenuti

Tre atenei europei e due scuole superiori sono i protagonisti del progetto Net4Voice che consiste nella sperimentazione di tecniche e metodi di riconoscimento vocale all’interno di processi di apprendimento. La tecnologia permette di sottotitolare automaticamente e in tempo reale le parole pronunciate da un relatore, creare dispense multimediali accessibili e consultabili in formato digitale. L’esigenza nasce da una problematica di non completa accessibilità delle informazioni da parte di utenti disabili in contesti didattici, per poi rivolgersi a contesti educativi più ampi e a target di utenza differenziati, come studenti stranieri, personale in formazione, ecc.

Net4Voice considera il tradizionale metodo di lezioni frontali ancora la forma più efficace per supportare l’apprendimento. Tuttavia, ci sono bisogni collegati all’accessibilità e all’efficacia dell’apprendimento che non vengono propriamente soddisfatti dai metodi di insegnamento applicati nelle lezioni tradizionali. Da questo punto di vista, il tradizionale metodo di lezioni frontali sebbene sia sempre estremamente importante e unico, presenta limitazioni dovute a barriere fisiche, temporali e culturali che possono compromettere l’efficacia dell’apprendimento.

Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICTs) offrono la possibilità di superare queste barriere migliorando, così, il metodo educativo tradizionale e fornendo soluzioni di apprendimento flessibili e accessibili a tutti. L’adozione di un chiaro metodo di apprendimento accessibile garantisce qualità e efficacia a differenti contesti di apprendimento e l’uso di tecnologie interattive aiuta gli studenti ad imparare in modo partecipativo e attivo.

Il progetto ha quindi lo scopo di sperimentare nuove modalità di didattica che possano agevolare la diffusione dei patrimoni informativi, rendendoli universalmente accessibili.

Finalità

Obiettivo finale del progetto è costituire a livello Comunitario centri di eccellenza per lo svolgimento e la diffusione di processi didattici innovativi, rafforzando, così, la competitività della Comunità Europea a livello internazionale. In particolare, Net4Voice ha lo scopo di definire una metodologia di apprendimento basata su tecnologie di riconoscimento vocale applicabili in differenti contesti educativi: università, scuola e formazione per adulti.

Il secondo obiettivo del progetto à la valutazione dell’impatto che la metodologia didattica definita e la tecnologia applicata avranno sui differenti attori coinvolti: studenti, docenti e, in particolare, utenti disabili.

Compito del progetto è quindi sperimentare software di riconoscimento vocale in differenti contesti educativi al fine di migliorarne l’accessibilità e l’efficacia, e diffondere la conoscenza di questi strumenti.

Destinatari

Soprattutto gli studenti con diversi tipi di disabilità, cognitive, visive, uditive, motorie beneficeranno dell’uso di tecnologie di riconoscimento vocale che consentono di visualizzare in tempo reale il testo scritto delle lezioni garantendo un ambiente di apprendimento accessibile a tutti senza la necessità di supporto da parte di intermediari. Anche studenti che frequentano lezioni in altre lingue possono beneficiare di queste tecnologie che permettono, inoltre, di creare dei file multimediali scaricabili attraverso il web, facilitando il reperimento dei contenuti delle lezioni.

Attività

Le principali attività previste nell’arco dei due anni del progetto sono:

• Definizione di una nuova metodologia che evidenzia l’impatto di tecnologie di riconoscimento vocale nei tre contesti educativi selezionati: istruzione universitaria, istruzione scolastica e formazione;
• Formazione di docenti e sull’utilizzo del software di riconoscimento vocale;
• Sperimentazione della metodologia basata su tecnologie di riconoscimento vocale all’interno dei propri contesti educativi;
• Creazione di un report sui risultati della sperimentazione (interviste a docenti e studenti, Valutazione di accessibilità e qualità del software);
• Analisi e valutazione degli impatti sugli attori coinvolti, come docenti, studenti e personale. Particolare attenzione sarà data alle persone disabili coinvolte per gli aspetti di accessibilità;
• Predisposizione di un ambiente collaborativo Intranet e di un sito internet per la condivisione della conoscenza e per la partecipazione attiva, non solo dei partner coinvolti nel progetto, ma di tutti gli stakeholders che possano trarre beneficio da un consolidamento dei risultati ottenuti dalla sperimentazione.

Risultati

Il progetto mira a definire una metodologia di apprendimento che si focalizzi sull’analisi delle problematiche relative ai contesti didattici e di apprendimento tradizionali e sperimentare il software di riconoscimento vocale in differenti contesti educativi, al fine di migliorarne l’accessibilità e l’efficacia. Sarà prodotto un documento condiviso su una nuova metodologia didattica basata sull’utilizzo di tecnologie e un report sui risultati della sperimentazione e sull’utilizzo delle tecnologie nei differenti contesti educativi.

Contributo UE
486.185 EUR