PROGETTAZIONE - 
2 Novembre 2022

Leggere i bandi europei: quali sono gli elementi chiave

Condividi su
planning

La bocciatura di una proposta progettuale spesso può dipendere da una scorretta interpretazione del bando europeo: il linguaggio tecnico, le diverse indicazioni e i documenti da studiare sono tanti e complessi, per questo motivo si rischia di perdere di vista il focus. Allora, come leggere i bandi europei in maniera strategica? Come individuare gli elementi chiave per avanzare una proposta idonea?

Per valutare lo studio di fattibilità del progetto è necessario mantenere un approccio analitico nei confronti della lettura del bando e adottare una strategia ben precisa.

Cos'è un bando europeo

Il bando europeo è il documento ufficiale che i potenziali beneficiari delle sovvenzioni devono consultare per poter predisporre correttamente la proposta progettuale, secondo i criteri e i termini stabiliti. Allo stesso tempo è uno strumento con cui l'Unione Europea invita organizzazioni pubbliche e private a presentare il proprio progetto al fine di ottenere un finanziamento.

Se non si adotta un approccio analitico e strategico alla lettura dei bandi europei, la comprensione delle procedure da seguire e delle richieste da soddisfare può rivelarsi un'operazione lunga e complessa. Le indicazioni fornite sono numerose e dettagliate e il linguaggio tecnico utilizzato dai bandi europei non sempre è di facile comprensione. Per ottimizzare tempi e risorse e valutare la fattibilità della candidatura, è bene saper individuare rapidamente gli elementi-chiave dei bandi europei e le informazioni necessarie per valutare se l'idea progettuale sia in linea con gli standard della Commissione o possa essere facilmente adattata.

Prima di intraprendere un percorso di progettazione complesso, è da considerare in che termini ogni bando differisca da un altro:

  • obiettivi;
  • attività finanziabili;
  • termini;
  • condizioni.

Bando europeo: come non perdere di vista il focus

Una corretta interpretazione del contenuto del bando europeo è conditio sine qua non per capire se la propria idea sia in linea con i requisiti richiesti. Come individuare gli elementi chiave del bando?

  1. Attenzione alla scadenza o deadline. Conoscere la scadenza per la presentazione delle candidature è determinante nella scelta di presentare un progetto e per elaborare proposte qualificate. La predisposizione di candidature in risposta ai bandi europei richiede tempi congrui per elaborare proposte qualificate.
  2. Analizzare finalità e obiettivi. È fondamentale valutare la coerenza tra il bando e gli intenti della proposta progettuale: la mancanza di coerenza è motivo di bocciatura del progetto. Bisogna, quindi, assicurarsi che rispondano ai criteri di valutazione esplicitamente riportati nella call o nei suoi allegati tecnici.
  3. Priorità e tipologie di attività finanziabili. È importante assicurarsi che le linee strategiche di intervento o le singole attività ammissibili a finanziamento siano in linea con le priorità previste dal bando.
  4. Qual è il destinatario del progetto? Nel linguaggio dei bandi europei i destinatari rappresentano il target group, ovvero la categoria di soggetti a cui sono rivolte le attività progettuali, che saranno raggiunti dai risultati del progetto.
  5. Quali soggetti possono presentare il progetto? Nel bando è indicato esplicitamente quali tipologie di soggetti possono presentare domanda di finanziamento (Enti pubblici, imprese, associazioni non-profit, istituti di istruzione, centri di ricerca etc.).
  6. Aspetti economici. I bandi europei, di volta in volta, forniscono specifiche indicazioni sull'ammontare complessivo delle risorse stanziate, sull'importo massimo del contributo che può essere richiesto (massimale di sovvenzione) e sulla percentuale (%) di co-finanziamento concedibile da parte della Commissione.
  7. Vincoli economici e temporali del bando. Altre informazioni utili per chi deve presentare un progetto sono l’ammontare complessivo del finanziamento che può essere richiesto e la durata massima in termini di mesi. Sulla base di queste indicazioni, è possibile comprendere la disponibilità di risorse da dedicare alle attività e il periodo temporale in cui queste possono essere organizzate (per garantire un rapporto qualità-tempo ottimale).

Interpretazione dei bandi europei

In caso di dubbi sulla corretta interpretazione dei contenuti dei bandi europei è possibile formulare dei quesiti alle Agenzie competenti per il programma di riferimento, ai Desk nazionali ufficiali e alle Autorità di Gestione per i fondi strutturali. I potenziali beneficiari del finanziamento hanno a disposizione strumenti validi per poter trovare il bando più adatto alla propria idea progettuale.

Fonti ufficiali e non, motori di ricerca online e banche dati offrono una guida competente non solo per trovare il bando più idoneo, ma anche per la comprensione delle finalità del bando e delle modalità di presentazione della proposta.