Pillole di progettazione - 
12 Ottobre 2020

Miniglossario dell’europrogettazione

Condividi su
d97c52348e8246e1bd448798669b1afe.jpg

Miniglossario dell’europrogettazione: chiariamo 8 termini un po' ermetici

In questa pillola di progettazione, faremo luce sulla terminologia tecnica del formulario e renderemo chiari alcuni concetti fondamentali che risultano spesso incomprensibili o ambigui ai neofiti della progettazione.

 

1. Rilevanza (Relevance)

Quand'è che un progetto proposto è rilevante per la Commissione? Sicuramente quando è in linea con le priorità dell’UE e contribuisce al raggiungimento degli obiettivi delle politiche europee nei vari settori specifici. Quindi insieme alle linee guida è importante leggere il bando attuale e aggiornarsi su quelle che sono le politiche europee nel settore prima di accingersi alla progettazione. Non facciamo riferimento solo al bando specifico e alle tematiche prioritarie elencate nel bando, ma dimostriamo che il progetto è in armonia con le politiche della CE nel settore specifico, magari citando una frase presa da un libro bianco della Commissione e relativo al settore di cui ci vogliamo occupare. Questi riferimenti contribuiscono a chiarire la rilevanza del nostro progetto rispetto agli obiettivi europei.
 

2. Impatto (Impact)

In ogni formulario è presente un paragrafo dedicato all'impatto, ma cosa significa? Saper descrivere che cosa è cambiato dopo l'esecuzione del nostro progetto; qual è la differenza tra il prima e il dopo le nostre attività. E' un paragrafo fondamentale che va sviluppato se possibile fornendo degli indicatori per misurare questo cambiamento.
 

3. Valore aggiunto europeo (Europan added value)

Qui occorre chiarire al valutatore perché il nostro progetto deve essere realizzato necessariamente da un consorzio internazionale e perché gli stessi risultati non possono essere raggiunti se il progetto lo realizziamo a livello locale, ragionale o nazionale. In sostanza la domanda a cui dobbiamo rispondere è: perché è necessaria una sinergia europea, concretizzata nella complementarietà tra le esperienze e le competenze delle organizzazioni partner, per raggiungere gli obiettivi di progetto?
 

4. Opere di ingegno (Intellectual Ouput)

Nel contesto di Erasmus si citano gli Intellectual Output (detti anche DELIVERABLE in altri programmi di finanziamento). Si tratta dei risultati che noi possiamo consegnare alla Commissione, come studi, mappature, linee guida, prototipi, piattaforme educative online, manuali, metodologie. Tutti elementi che alla fine del progetto possiamo consegnare e promuovere e che possono essere usati anche da altri utenti europei.

 

5. Attività culturali in Europa Creativa (Cultural activities)

Spettacoli e performance
 

6. Attività di supporto in Europa Creativa (Communication and support activities)

Eventi di promozione e disseminazione
 

7. Evento moltiplicatore (Multiplier Event)

In Erasmus, gli eventi di promozione e disseminazione si chiamano eventi moltiplicatori perché contribuiscono a diffondere il progetto, trasferendolo in altri contesti geografici e replicandolo in altri settori. Questi eventi possono assumere la forma di conferenze, tavole rotonde, workshop, seminari, ecc.

 

8. Project management meeting

Non sono meeting realizzati per promuovere il risultato del progetto all'esterno (come gli eventi moltiplicatori), ma per velocizzare le attività di coordinamento tra i partner. Si tratta quindi di meeting interni al partenariato. Si distinguono dai multiplier events anche per il modo in cui il budget viene allocato.
 
Per saperne di più leggi le altre pillole di progettazione, segui il corso e scopri tutte le altre risorse didattiche di Prodos Academy:
Monitoraggio bandi 2.png