News - 
9 Agosto 2018

La musica muove l’Europa: la nuova azione dell’Unione per promuovere gli artisti e le loro opere

Condividi su
musica.jpeg
Si chiama Music Moves Europe (MME) l'iniziativa dell'Unione per promuovere la diversità e il talento della musica europea. Il progetto nasce dal dialogo con i rappresentanti del mondo della musica, che ha permesso alla Commissione europea di identificare le principali sfide del comparto. Si tratta di un’azione preparatoria, che ha lo scopo di sviluppare e testare strumenti di finanziamento su misura per l’industria musicale, in vista della nuova programmazione europea 2021-2027. Europa Creativa, l’attuale programma di finanziamento per la cultura, prevede già diverse misure a sostegno della musica attraverso il co-finanziamento di progetti, le piattaforme, le reti di cooperazione musicale e il premio europeo per la musica, ma il nuovo strumento promette di essere qualcosa di più per un settore che genera un indotto di oltre 25 miliardi di euro l'anno e impiega più lavoratori dell'industria cinematografica. [caption id="attachment_470" align="aligncenter" width="300"]Corso online Fondi europei per la cultura e la creatività, imprese culturali e creative Corso online Fondi europei per cultura creatività[/caption] Un settore che il rapido sviluppo tecnologico ha radicalmente modificato, costringendo l’industria musicale a ridefinire i tradizionali modelli di produzione e consumo alla luce della rivoluzione digitale. Ecco le principali sfide che la Commissione europea ha identificato attraverso il dialogo avviato nel 2015 con i key-players del settore: la distribuzione offline e online, la promozione e circolazione degli artisti e del loro repertorio, il capacity building per gli artisti che devono competere in un mercato globale e infine l'esportazione della musica europea in altri paesi. Per rispondere a queste, l’azione Music Moves Europe, lanciata ufficialmente a Bruxelles il 14 febbraio 2018, si propone di:
  • sviluppare una migliore comprensione delle tendenze del mercato e proporre meccanismi sostenibili per monitorarle, nonché identificare le esigenze di finanziamento del settore musicale;
  • identificare modelli di distribuzione innovativi e sostenibili che sostengano la diversità musicale europea;
  • promuovere la mobilità transfrontaliera degli artisti attraverso opportuni programmi di formazione intersettoriale;
  • sviluppare un approccio strategico per la promozione della musica europea sul mercato internazionale.
Nell’ambito dell'azione preparatoria MME sono ancora attivi, ma prossimi alla scadenza, due inviti a presentare proposte, il primo rivolto alla formazione professionale nel settore musicale, il secondo dedicato alla circolazione delle opere musicali:

Music Moves Europe - Invito a presentare proposte sul programma di formazione per giovani professionisti della musica.

Il bando, che scade il 27 agosto alle ore 13:00, intende finanziare programmi-pilota di formazione per giovani professionisti del settore musicale, testando modelli su piccola scala su come migliorare la capacità e la resilienza del settore. Le attività di formazione potranno essere erogate attraverso formule diverse, quali ad esempio e-learning, programmi di mentoring e peer-learning, borse di studio e residenze, programmi di tirocinio retribuito. Sono ammissibili anche attività mirate alla creazione o al potenziamento di reti e scambi di buone pratiche per accrescere la professionalizzazione del settore musicale.

Sulla nostra piattaforma, nella sezione project tools > casi di successo, è possibile consultare alcuni dei progetti di cooperazione che hanno ricevuto il titolo di “success stories“ , finanziati nell’ambito di Europa Creativa, sotto-programma Cultura. Qui troverai spunti e idee per pianificare una proposta progettuale in linea con le richieste della Commissione europea e costruire un partenariato forte ed equilibrato.

Le proposte dovranno:
  1. Rispondere alla necessità di un aggiornamento regolare delle competenze professionali individuali e organizzative allo scopo di accrescere la capacità dei professionisti della musica di adattarsi ai cambiamenti nel mercato musicale;
  2. Promuovere lo scambio transnazionale tra diversi sotto-settori;
  3. Includere approcci transnazionali laddove il programma di formazione supporta giovani professionisti impegnati a sviluppare iniziative musicali transfrontaliere, in particolare qualora le conoscenze e le competenze pertinenti non siano reperibili a livello nazionale, regionale o locale.
Potranno partecipare al bando enti di formazione o partnership del settore formazione/istruzione/musica che dimostrino competenze pertinenti nel settore musicale o competenze specialistiche (in questo ambito sono eleggibili organizzazioni non-profit, autorità pubbliche, università, istituti di istruzione, associazioni, liberi professionisti). Le risorse complessive a disposizione sono 550mila euro. Il contributo UE potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di 55mila euro. Qui puoi scaricare la modulistica del bando

Music Moves Europe - Invito a presentare proposte sulle distribuzioni online e offline

L’invito, con scadenza il 10 settembre alle ore 13:00, sostiene progetti che intendono sviluppare metodi innovativi per la distribuzione online e offline della musica, con l’obiettivo di promuovere la diversità e migliorare la visibilità e la circolazione transfrontaliera del repertorio musicale europeo, superando ostacoli esistenti come le barriere linguistiche e la frammentazione del mercato nel settore musicale. I progetti dovrebbero perseguire almeno uno dei seguenti obiettivi specifici:
  1. A livello dei consumatori, aumentare la disponibilità del repertorio musicale europeo al di là delle hit parade.
  2. Migliorare la selezione editoriale e algoritmica della musica europea per aumentarne la rintracciabilità sulle piattaforme digitali.
  3. Promuovere la visibilità dei diversi generi musicali europei sulle piattaforme streaming, nei negozi, alla radio, in televisione o negli spettacoli dal vivo e nei festival.
  4. Migliorare la presenza di musica in lingua locale sulle piattaforme internazionali.

Vai alla scheda di Europa Creativa nella sezione Strumenti di europrogettazione e scopri se il tuo progetto è in linea con gli obiettivi e le priorità del programma.

Le risorse disponibili per questo bando ammontano a €300.000, con le quali si prevede di finanziare fino a 10 progetti. Il contributo europeo potrà coprire fino al 90% dei costi totali ammissibili del progetto fino ad un massimo di €30.000. Possono presentare richiesta di finanziamento imprese musicali, fornitori di servizi musicali, emittenti, fornitori di servizi digitali, organizzatori di concerti e festival, club e luoghi di musica. I progetti devono avere una durata massima di 12 mesi e concludersi entro il 31 dicembre 2019. Qui puoi scaricare il bando e la modulistica   Ti consigliamo di leggere anche: [embed]https://news.prodosacademy.com/2018/08/06/europa-creativa-risultati-2018/[/embed]   La Redazione di Prodos Academy
Monitoraggio bandi 2.png