SWAFAX – Seaweed derived anti-inflammatory agents and antioxidants

Programma UE di riferimento
Settimo programma quadro di ricerca e sviluppo (7PQ)
Programma specifico Capacità – Ricerca a beneficio delle PMI

Durata
11/1/2010 – 10/31/2012

Coordinatore

Università di Reading
Ian Rowland, Professor of Human Nutrition
Department of Food and Nutritional Sciences
www.reading.ac.uk

Partners

Cyber Colloids Ltd (CC)
Hebridean Seaweed Company Ltd (HS)
Marigot Ltd (MT)
Mesosystem S.L (MS)
University of Ulster (UU)

Descrizione

I vantaggi per la salute dei vegetali marini come le alghe sono stati ben documentati dai nutrizionisti. Tradizionalmente, tra coloro che seguono diete basate sulle alghe si riscontrano meno casi di obesità, diabete, morbo di Alzheimer e altre malattie nervose.

Mentre le culture asiatiche hanno incluso le alghe nella loro dieta per secoli, le società occidentali sono state più lente nell’apprezzarne i benefici. Il progetto SWAFAX (“Seaweed derived anti-inflammatory agents and antioxidants”) intende cambiare questa situazione.

L’obiettivo principale del progetto è stato quello di esaminare le fonti di alghe, che sono state poco studiate o sfruttate per i loro benefici alla salute. Gli scienziati sono particolarmente interessati in un gruppo di sostanze chimiche presenti nelle alghe, chiamate polifenoli. Questi sono formati da oltre 4 000 cosiddetti composti fenolici che solitamente si trovano nella frutta e nella verdura. I polifenoli sono ricchi di antiossidanti, che possiedono molti benefici noti per la salute.

Guidato dal professor Ian Rowland del Dipartimento di scienze alimentari e della nutrizione all’Università di Reading (Regno Unito), SWAFAX intende studiare nuovi composti bioattivi estratti dalle alghe che rappresentano un’opportunità per le piccole e medie imprese (PMI) di sviluppare e immettere sul mercato applicazioni commerciali in prodotti alimentari, per la salute e il benessere.

Un certo numero di problemi tecnologici e scientifici sono già stati risolti, come ad esempio la valutazione dell’attività biologica dell’estratto di polifenoli dalle alghe e la formazione di una maggiore comprensione della biodisponibilità dei suoi componenti.

Il progetto ha inoltre caratterizzato gli estratti dalle alghe in termini dei loro profili di polifenoli, e ha preparato un estratto di polifenoli alimentare e altri estratti da diverse varietà di alghe. Tuttavia, i risultati finali provenienti da molti studi clinici saranno disponibili solo tra alcuni mesi.

Contributo UE
1 milione di EUR