IOR – IMPACT OF RELATIONSHIP – English version

EU Programme
DAPHNE III (Call: Just/2011/DAP/AG/3255)

Duration
Start date: December 2012
End date: April 2014

Coordinator

Provincia di Rimini – Ing. Enzo Finocchiaro e Dr. Daniela Manfroni
Referente: Dr.ssa Christina Paci (Associazione AGreenment Rimini)
E-mai: info@agreenment.tk

Partners

Agreenment Association (ITALY)
Foster (MALTA)
Center Of Education And Enterprise Support [CEES] (POLAND)
Cooperation ireland (IRELAND)
Demetra Association (BULGARIA)
DIVERS Association (ROMANIA)
Talentum (HUNGARY)
Ids Institute (PORTUGAL)
Hellenic Regional Development Center (Hrdc) (GREECE)
ISES (SPAIN)
Vsi EDUKACINIAI PROJEKTAI (LITHUANIA)
Youth association (LATVIA)
Komunikujeme (CZECH REPUBLIC)
Wisamar (GERMANY
Searchlighter ltd (UK)
Kisa (CYPRUS)
Agoravox (FRANCE)
Eesti People To People (ESTONIA)
Estra foundation (SLOVAKIA)
Institute for European Research&Development (SLOVENIA)
Frederikssund-halsnaes Fire & rescue service (DENMARK)
Alliance ry (FINLAND)
MyChoice (SWEDEN)
Pro mente (AUSTRIA)
CVO HIKempen (BELGIUM)

Abstract

As its general aim Project IOR seeks to assist minors using the social networks to do so correctly, both technically and methodologically.

Among its objectives the project has that of:

• launching a campaign throughout the 27 EU member states which treats of the correct use of the social networks among youth between 10 and 17.
• generate interaction among minors who use the social networks in order to assist them in using them appropriately.
• involve schools as well as youth institutions and associations in helping young people to use the social networks correctly.

Moreover, the project is presented via a dedicated website which is followed and managed by the Greek partner in the project. However, the site is intended for use by adults and various project stakeholders rather than being directed towards young people and IOR users.

The communication activity described in this document has the target of guaranteeing:

– Identity and image, with particular attention paid to awareness of the role played in the IOR Project by Rimini Province, Associazione AGreenment and the European Union partners;
– Pursuing those objectives which are functional in rendering the project operational such that activating strategies primed towards assisting minors to use the social network platforms correctly is rendered possible.

Consequently, specific objectives relative to communication activity will:

• raise awareness
– by informing minors who use the social networks of the opportunities for knowledge derived through the IOR project;
– by informing Italian primary and high school personnel, as well as the parents of the students of these schools, of the existence of the project and of its contents,
– by informing youth associations, sports groups and organizations linked to formal learning institutions of the existence of the project and its contents.
• promote project activity
– via the use of the social network profiles created in the name of the IOR project;
– via meetings with teachers and students who are minors and who have social network profiles;
– by creating occasions for diffusing project contents to formal and informal organizations which work with youth in various ways.
• stimulate in minors who already have a social network profile to use the social network correctly
– by the creation of brief albeit informative and interesting posts on the main social networks;
– by involving minors who have a profiles in understanding that they teach those among their peers who are also on social networks to use the tools in the correct way;
– by reducing, via specific communicative actions, the distance between minors and institutions concerning the social networks;
– by promoting transparency in the use of IOR programme uses through communicating the project results.

Inasmuch as information and publicity is concerned, the project anticipates the involvement of an extensive audience as individuated by the various beneficiaries which are in some way involved in the project, whether directly or no, in particular:

1. the general public here intended as the entire public of Italian youth within the age range of between 10 and 17 as a whole. Complex communicative actions treating of the entire project, its activities and the results obtained are foreseen, mentioning also the role of the European Union.
2. Public institutions, or regional and local authorities as well as competent public authorities which deal with new technologies, schools, education, childhood and wellbeing among youth.
3. Tertiary sector and mass media, via operators which in various ways are active in project-related topics: radio stations, training institutions, youth associations and organizations, research organizations, service centers, foundations, etc.)
4. Opinion Leaders, by recruiting the participation of youth leaders and testimonials such as football players, actors and singers who can have a positive influence upon the behavior of youth, so inviting them to follow the suggestions offered by the project.
5. Beneficiaries, by way of the direct online participation of minors involved in the activities done on IOR project social network pages.

Web

At European level the IOR project has a common website. The site targets an “adult” viewership inasmuch as it represents the project’s institutional website www.ior-project.eu

Above all, the communication of the site treats of the creation and use of the 9 profiles of those social network profiles most used by young people.

The social networks chosen for Italy are:

Facebook
Google+
Twitter
Youtube
Audioboom
Netlog
Vimeo free
HI5
Ask.fm

Grant
600.000 EUR

IOR – IMPACT OF RELATIONSHIP

Programma UE di riferimento
Programma DAPHNE III (Call: Just/2011/DAP/AG/3255)

Durata
Data inizio progetto: Dicembre 2012
Data fine progetto: Aprile 2014

Coordinatore

Provincia di Rimini – Ing. Enzo Finocchiaro e Dr. Daniela Manfroni
Referente: Dr.ssa Christina Paci (Associazione AGreenment Rimini)
E-mai: info@agreenment.tk

Partners

Agreenment Association (ITALY)
Foster (MALTA)
Center Of Education And Enterprise Support [CEES] (POLAND)
Cooperation ireland (IRELAND)
Demetra Association (BULGARIA)
DIVERS Association (ROMANIA)
Talentum (HUNGARY)
Ids Institute (PORTUGAL)
Hellenic Regional Development Center (Hrdc) (GREECE)
ISES (SPAIN)
Vsi EDUKACINIAI PROJEKTAI (LITHUANIA)
Youth association (LATVIA)
Komunikujeme (CZECH REPUBLIC)
Wisamar (GERMANY
Searchlighter ltd (UK)
Kisa (CYPRUS)
Agoravox (FRANCE)
Eesti People To People (ESTONIA)
Estra foundation (SLOVAKIA)
Institute for European Research&Development (SLOVENIA)
Frederikssund-halsnaes Fire & rescue service (DENMARK)
Alliance ry (FINLAND)
MyChoice (SWEDEN)
Pro mente (AUSTRIA)
CVO HIKempen (BELGIUM)

Descrizione

Il Progetto IOR ha come finalità generale quella di aiutare i minori che utilizzano i social network a farlo nel modo corretto, sia sul versante tecnico che metodologico.

Il Progetto ha tra i suoi obiettivi quelli di:

– lanciare una campagna nei 27 Stati europei sul corretto utilizzo dei social network nei ragazzi con un’età compresa fra i 10 ed i 17 anni;
– creare un interazione con i minori che utilizzano i social network per aiutarli a farne un uso corretto;
– coinvolgere le scuole, le istituzioni e le associazioni giovanili affinché i giovani utilizzino i social nel modo corretto.

Il progetto viene inoltre presentato utilizzando anche un sito internet di riferimento, curato e gestito dal partner grecò del progetto. Questo sito non è però destinato alla fruizione dei giovanissimi e dell’utenza di IOR, ma alla fruizione da parte degli adulti e dei diversi stakeholder del progetto.

Le attività di comunicazione descritte nel presente documento hanno la finalità di garantire:

– Identità e immagine con particolare riferimento alla consapevolezza circa il ruolo che la Provincia di Rimini, l’Associazione AGreenment e i partner dell’Unione Europea rivestono nell’attuazione dell’oggetto del Progetto IOR;
– Il perseguimento di obiettivi funzionali all’attuazione del progetto affinché sia possibile mettere in atto strategie atte ad aiutare i minori nel corretto utilizzo delle piattaforme social network.

Di conseguenza gli obiettivi specifici relativi alle attività di comunicazione saranno:

• diffondere la conoscenza
– informare i minori che utilizzano i social delle opportunità di conoscenza derivanti dal Progetto IOR;
– informare il personale delle scuole medie e superiori italiane, e i genitori degli studenti di queste scuole, dell’esistenza del progetto e dei suoi contenuti;
– informare le associazioni giovanili, i gruppi sportivi e le organizzazioni correlate a contesti di apprendimento formale ed informale dell’esistenza del progetto e dei suoi contenuti.
• promuovere le attività del Progetto
– attraverso l’uso dei profili social creati a nome del progetto IOR
– creare meeting d’incontro con professori e studenti minori che hanno un profilo social
– creare occasioni di diffusione dei contenuti progettuali con organizzazioni informali e formali che a diverso titolo si occupano di giovani.
• stimolare la curiosità dei minori che hanno già un profilo social ad utilizzarlo in modo corretto
– attraverso la creazione di post sui principali social di carattere informativo, interessanti e in versione pillole;
– coinvolgere i minori che hanno un profilo per far si che insegnino ai coetanei che a loro volta sono sui social network ad usare questi strumenti in modo corretto;
– ridurre attraverso specifiche azioni di comunicazione la distanza tra minori ed Istituzioni in tema di social networks;
– promuovere la trasparenza nell’utilizzo delle risorse del programma IOR comunicando i risultati del Progetto.

Si prevede di coinvolgere, nell’ambito delle attività di informazione e pubblicità, un vasto pubblico individuato tra i beneficiari coinvolti a vario titolo nel progetto in modo diretto ed indiretto, in particolare:

• Il grande pubblico inteso come l’intera popolazione giovanile italiana compresa fra i 10 ei 17 anni. Saranno predisposte azioni di comunicazione di natura complessiva relativamente all’intero progetto, alle sue attività ed ai risultati conseguiti, menzionando anche il ruolo dell’Unione Europea.
Istituzioni Pubbliche, ovvero autorità regionali, locali ed in genere autorità pubbliche competenti in materia di nuove tecnologie, scuola, istruzione, infanzia e benessere dei ragazzi
Terzo Settore e mass media, attraverso operatori che a vario livello e titolo si occupano delle tematiche oggetto del progetto: Radio, Istituti di formazione, Associazioni e Organizzazioni giovanili, Organizzazioni di ricerca, Centri di Servizi, Fondazioni ecc.)
Opinion Leaders, tramite il coinvolgimento di leader e testimonials del mondo giovanile, quali calciatori, attori e cantanti che possono avere influenza positiva sul comportamento dei giovani e invitare a seguire i suggerimenti offerti dal progetto
Beneficiari, tramite il coinvolgimento online diretto di minori, coinvolti nelle attività svolte sui social network dal Progetto IOR.

WEB

Il progetto IOR ha un comune sito a livello europeo. Questo sito si indirizza ad un pubblico “adulto” in quanto rappresenta il sito istituzionale del progetto. www.ior-project.eu

Si prevede la realizzazione e l’utilizzo di 9 profili nei social network più utilizzati dai ragazzi.

I social scelti per l’Italia sono:

Facebook
Google+
Twitter
Youtube
Audioboo
Netlog
Vimeo free
HI5
Ask.fm

Contributo UE
600.000 EUR

YELP – Young European Legal Practitioners – English version

EU Programme
Leonardo da Vinci Programme

Duration
18/09/2006 – 18/12/2006

Coordinator

Associazione Eurojuris Formazione Giuridica Internazionale (Italia)
Via Valadier 43 – 00193 Roma
Tel: 0039 06 3224207
Web site: http://www.eurojuris-project.eu
Contact: dr. Nicholas M. Scott
E-mail: eurosegreteria@eurojuris-project.eu

Partners

ITALY
• Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali dell’Università del Sannio (DASES)
• Studio Legale Giovanni Romano
• Istituto di Studi Giuridici Internazionali (ISGI) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
• Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI – Sez. Campania)
• Unione Forense per i Diritti dell’Uomo

FRANCE
• Cabinet d’avocat Forgione (Strasbourg) – studio legale internazionale

SPAIN
• SICI Dominus (Granada) – società di consulenza specializzata in risorse umane, formazione e progettazione UE.

Abstract

The project aims to promote sectors and activities related to Europe and capable of competing with the demands of the Italian, European and International market for legal services.

The project in effect aims to fulfil the following needs:

• Bring together two groups of actors (who often perceive themselves as being ‘distant’ from one another): young practicing or freshly graduated lawyers on the one hand and the European Courts of Justice and international law on the other. The key activity here will be that of making the Courts and the legislation easily accessible to these young lawyers (i.e. young Italian practicing lawyers and those freshly graduated in law), the beneficiaries of this in service training abroad.
• Create and enrich the range of professionals that the Italian market for legal services is able to offer: the demand for ‘European’ lawyers has been in continual increase for years, above all in the field of the human rights as stated in the European Convention. In Italy, the number of lawyers with this kind of specialisation, with a suitable technical and knowledge and command of languages, is still very low. There instead some Member States that are particularly active in the field of Human Rights, from which it is important to ‘learn’: transfer of know-how, new approaches, a different culture, mechanisms and procedures that protect human rights. Thus, in both cases there is a problem of lack of knowledge and training that come from within the profession that is law (at a national level) where there is grave need for an updating and an opening toward Europe, through the investigation of some of the EU’s current themes and policies in an International context.
• Give young professionals the opportunity of training in close contact with situations, institutions within the EU and Spain, acquiring a better understanding of the key principles behind Human Rights, as interpreted by EU and International law – all this as a high level training package.
• Facilitate access to the world of law young lawyers and young people who have recently got their degree in law not just in Italy but abroad too: once they have completed the training experience they will be in a position to be able to put themselves on the job market on the field of law in a new role, being presumably able to choose whether to commence work in Italy or abroad (in France or Spain) – (an element this that is an absolute novelty and which fits the recent move to harmonise the professions among the EU countries perfectly).

Grant
43.750 EUR

YELP – Young European Legal Practitioners

Programma UE di riferimento
Programma Leonardo da Vinci

Durata
18/09/2006 – 18/12/2006

Coordinatore

Associazione Eurojuris Formazione Giuridica Internazionale (Italia)
Via Valadier 43 – 00193 Roma
Tel: 0039 06 3224207
Sito web: http://www.eurojuris-project.eu
Referente: dr. Nicholas M. Scott
E-mail: eurosegreteria@eurojuris-project.eu

Partners

ITALIA
• Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali dell’Università del Sannio (DASES)
• Studio Legale Giovanni Romano
• Istituto di Studi Giuridici Internazionali (ISGI) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
• Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI – Sez. Campania)
• Unione Forense per i Diritti dell’Uomo

FRANCIA
• Cabinet d’avocat Forgione (Strasbourg) – studio legale internazionale

SPAGNA
• SICI Dominus (Granada) – società di consulenza specializzata in risorse umane, formazione e progettazione UE.

Descrizione

Il progetto YELP mira a sopperire ad alcune evidenti lacune a livello nazionale e regionale nel campo della formazione e della crescita professionale di giovani praticanti e neo-avvocati italiani, promuovendo il loro inserimento in settori e attività aperte all’Europa, fornendogli strumenti e contatti, nonchè mettendoli nelle condizioni di competere con quanto richiesto dal mercato del lavoro forense italiano, europeo ed internazionale soprattutto attraverso l’esercizio della pratica legale presso studi e/o uffici legali esteri.

Nella fattispecie il progetto si propone di rispondere ai seguenti fabbisogni:

• Avvicinare due ordini di soggetti (che spesso si percepiscono a vicenda come “distanti”): giovani avvocati praticanti o neolaureati da una parte, e Corti di Giustizia Europee e ordinamenti giuridici esteri dall’altra. L’attività chiave in questo ambito sarà rendere Corti ed ordinamenti facilmente accessibili ai giovani lavoratori (i.e. avvocati praticanti italiani, neolaureati in giurisprudenza), beneficiari dello stage all’estero.
• Creare ed arricchire il panorama delle figure professionali che offre il mercato del lavoro forense italiano: la figura dell’avvocato europeista è, ormai da qualche anno, molto richiesta, soprattutto nel campo della tutela dei diritti dell’uomo così come prevista dalla Convenzione Europea. In Italia, il numero di avvocati specializzati in tali materie, con una adeguata preparazione tecnico-linguistica, è ancora molto esiguo. Vi sono al contrario alcuni Stati membri particolarmente attivi nel campo della tutela dei diritti dell’uomo, dai quali è importante “imparare”: trasferimento di know-how, nuovi approcci, diversa cultura, meccanismi e procedure che tutelano i diritti dell’uomo. In ambo i casi dunque ci si trova di fronte a carenze di preparazione e formazione che partono dall’interno della categoria forense (a livello nazionale) che ha bisogno di aggiornarsi ed aprirsi all’Europa, approfondendo alcuni temi e politiche UE più attuali, ed inserite in un contesto internazionale.
• Dare l’opportunità a giovani professionisti di formarsi direttamente, a stretto contatto con realtà, istituti ed istituzioni comunitarie e spagnole, approfondendo i principi cardine della tutela dei diritti dell’uomo, del diritto UE e del diritto internazionale – tutto ciò offrendo un pacchetto formativo di qualità.
• Facilitare l’ingresso al mondo del lavoro forense di giovani avvocati e neolaureati non solo in Italia, ma anche all’estero: una volta terminata l’esperienza di stage, avranno l’opportunità di proporsi al mondo del lavoro (forense) in una veste del tutto nuova, potendo presumibilmente scegliere di iniziare a svolgere la propria attività in Italia o all’estero (nella fattispecie in Spagna e Francia) – nelle rispettive sedi (elemento questo di assoluta novità, che si inserisce perfettamente nelle recenti politiche di armonizzazione delle (libere) professioni tra i diversi Stati Membri dell’UE).

Contributo UE
43.750 EUR